Sei qui:  / Articoli / Dal Territorio / Esteri / Informazione / LOMBARDIA / Caso Regeni. “Vorremmo con noi una forte scorta mediatica”. La battaglia civile dei genitori di Giulio Regeni

Caso Regeni. “Vorremmo con noi una forte scorta mediatica”. La battaglia civile dei genitori di Giulio Regeni

 
Indignati. Dopo la decisione del Governo di far rientrare al Cairo l’ambasciatore Cantini, i genitori di Gulio Regeni raccontano che si è persa l’ultima arma di pressione politica sul governo di Al-Sisi. Attendono senza troppa speranza elementi decisivi dalle nuove carte -in arrivo dall’Egitto e ancora da tradurre-, ma insistono: trovare la verità sull’omicidio di Giulio è ancora possibile. Li ho incontrati questo pomeriggio, a Milano, insieme a  Stefania Battistini del TG1 e a Maria Gianniti del GiornaleRadio:  un nucleo RAI informale ma compatto nell’illuminare il caso di Giulio, come Articolo21 chiede da tempo su queste pagine. “La decisione del Governo ci indigna, per modalità e tempistica. Chi ha deciso avrebbe dovuto guardare le foto del corpo straziato di Giulio. Sarebbe bastato per prendere una decisione diversa. Adesso percepiamo una forte distanza”.
La famiglia ha annunciato un nuovo viaggio al Cairo, per il prossimo 3 Ottobre. “Vorremmo con noi una forte scorta mediatica, che ci accompagni nella ricerca di verità e giustizia per Giulio”. Verità e giustizia che, nonostante silenzi e depistaggi in Egitto ed in Europa, potrebbe essere comunque vicina: “Tre generali egiziani conoscono la verità, erano coinvolti nell’omicidio di Giulio” raccontano Claudio e Paolo Regeni “facciamo pressione sul Cairo perché possano essere interrogati. Perché dicano tutto quello che sanno. Ci interessano i mandanti dell’omicidio e della tortura di Giulio, non solamente gli esecutori materiali. Vogliamo sapere perché è stato ordinato il rapimento, la tortura e l’omicidio di nostro figlio”. La notizia del preannunciato ritorno al Cairo dell’ambasciatore italiano è rimbalzata con grande velocità su siti e social network, con l’ashtag #veritàpergiulioregeni stabilmente tra i trending topic italiani. Segno di una attenzione e di un attivismo del popolo giallo che non fa mancare il suo sostegno alla causa di Giulio, anche in questi giorni difficili: “L’affetto e la vicinanza del popolo giallo è davvero la nostra forza. Non ci sentiamo soli”. Poi, con una dignità fuori dal comune, Paola e Claudio aprono uno striscione giallo. Li aiuta a distenderlo l’avvocatessa Alessandra Ballerini. Sopra c’è impresso il senso di una battaglia civile che riguarda tutti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE