Sei qui:  / Articoli / Bavagli / Myanmar, tre giornalisti arrestati in una zona di conflitto

Myanmar, tre giornalisti arrestati in una zona di conflitto

 

Nello stato di Shan, nel nord di Myanmar, va avanti da decenni un conflitto tra gruppi indipendentisti e il Tatmadaw, l’esercito birmano.  Se i gruppi armati che rappresentano le varie minoranze etniche sono noti per l’arruolamento forzato di bambini soldato, le organizzazioni per i diritti umani accusano  regolarmente i militari di torture, sparizioni forzate, bombardamenti di centri abitati e ostacoli all’arrivo degli aiuti umanitari. Crimini di guerra, in poche parole.

Aye Nai e Pyae Phone Naing, giornalisti del portale Voce democratica della Birmania, e  Thein Zaw (conosciuto anche come Lawi Weng), che lavora per il quotidiano Irawwaddy, sono stati arrestati nel pomeriggio del 26 giugno a un posto di blocco governativo, insieme a quattro persone che viaggiavano con loro e delle quali non si hanno altri dettagli.

I tre giornalisti si trovavano nella zona di Namhsan per assistere al rogo di un grande quantitativo di droga, organizzato in occasione della Giornata internazionale contro l’abuso di droghe e il traffico illegale.

In un post su Facebook, il comandante in capo delle forze armate di Myanmar ha dichiarato che i tre giornalisti sono stati arrestati dopo che erano entrati in contatto con l’Esercito di liberazione nazionale Ta’ang, un gruppo armato locale, e che saranno trattati “secondo la legge”.

Se la “legge” è quella sulle associazioni illegali, i cui contenuti vaghi sono spesso utilizzati per compiere arresti arbitrari nelle zone di conflitto di Myanmar, non c’è da stare tranquilli. I tre giornalisti rischiano una lunga condanna.

Leggi:

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE