Sei qui:  / Articoli / Bavagli / Esteri / Informazione / Turchia, arrestati il direttore del sito di Cumhuriyet e una giornalista tedesca

Turchia, arrestati il direttore del sito di Cumhuriyet e una giornalista tedesca

 

Il 12 maggio sarà ricordato come uno dei giorni più neri per la libertà di stampa in Turchia nel 2017. In poche ore è stato arrestato il direttore dell’edizione web del quotidiano di opposizione Cumhuriyet Oguz Guven (nella foto), è stata confermata la detenzione in carcere per una collega di cittadinanza tedesca, Mesale Tolu, e sono state chiuse tre testate.
Quello di Guven è stato solo l’ultimo di una serie di ordini di cattura che ha interessato la redazione di Cumhuriyet.
Le autorità hanno preso di mira da tempo questa testata. Il direttore del sito è stato prelevato nel suo appartamento a Istanbul e portato nel quartier generale della polizia.
Il giornalista è stato arrestato per un articolo sulla morte, in un incidente stradale, dell’autorevole procuratore turco Mustafa Alper, figura di punta nelle inchieste sui sospettati per il fallito colpo di stato del 15 luglio del 2016.
Non si conoscono al momento altri dettagli.
A dare la notizia del fermo è stato lo stesso Guven con un post sul suo profilo Twitter.
Da quando dopo il tentativo di golpe si è intensificato il giro di vite nei confronti della stampa, le autorità turche non hanno smesso un attimo di cercare di incriminare i colleghi di Cumhuriyet, rimasti uno dei pochi quotidiani d’opposizione ancora aperti. Sono già 12 i giornalisti della testata in carcere in attesa del processo e l’arresto di Güven è un’ulteriore dimostrazione dell’intenzione delle autorità di Istanbul di imbavagliare tutta la stampa libera mettendo definitivamente in ginocchio il giornalismo indipendente.
“Le notizie secondo cui Güven sarebbe stato arrestato sulla base di un semplice titolo – ha evidenziato in queste ore Amnesty International – riflette la nuova terrificante realtà di un Paese in cui si può finire in carcere anche per una parola fuori posto. Il suo arresto segna un altro giorno nero per il giornalismo per la Turchia che dallo scorso anno vanta il triste primato di essere il carcere più grande al mondo per gli operatori dell’informazione”,
Intanto dalla Germania, che conta già due giornalisti di nazionalità tedesca in carcere, Deniz Yucel e Mesale Tolu, ha chiesto nuovamente la liberazione di entrambi.
La Tolu, che scrive per alcuni media filo-curdi vietati e ritenuti strumenti di propaganda di terroristi, è stata arrestata dalla polizia a Istanbul in un blitz nella notte del primo maggio, alla vigilia delle manifestazioni per
la Festa dei lavoratori. La 33enne di origini turche, ma nata e cresciuta in Germania, ha acquisito la cittadinanza tedesca una decina d’anni fa e nel 2014 si è trasferita a Istanbul con il marito turco, Suat Corlu, anche lui giornalista, anch’egli arrestato con l’accusa di sostenere organizzazioni terroristiche.
Alla Tolu è stata contestata anche la partecipazione nel 2015 al funerale di due militanti del gruppo illegale di estrema sinistra Mlkp.
Il rappresentante diplomatico della Germania a Istanbul ha chiesto di poter visitare la giornalista tedesca. Con un’iniziativa destinata a inasprire ulteriormente i rapporti bilaterali, il portavoce del ministero degli Esteri Martin Schaefer aveva dichiarato poche ore prima che le autorità turche avevano omesso di informare Berlino sulla detenzione della Tolu.
“È deplorevole” ha accusato Schaefer sottolineando che nessun diplomatico tedesco era riuscito ad avere contatti con la connazionale dal suo arresto del 30 aprile.
Nel mirino delle autorità turche non ci sono solo gli operatori dell’informazione. Nelle ultime 24 ore la scure della giustizia in Turchia si è abbattuta sugli ambienti della Borsa. Sono scattate le manette per 57 persone accusate di far parte dell’organizzazione di Fetullah Gulen. Gli arresti sono stati eseguiti nell’ambito di un’operazione per accertare le responsabilità di presunti fiancheggiatori dei fallito colpo di Stato del 2016.
I blitz sono avvenuti in sei diverse province, in tutto sono stati emessi circa un centinaio di ordini di arresto nei confronti di elementi ritenuti membri o simpatizzanti dell’organizzazione dell’ex imam Gulen, attualmente in esilio negli Stati Uniti e ritenuto da Ankara il mandante del tentato golpe anche se lui ha sempre respinto tutte le accuse.
Dalla scorsa estate la Turchia è soggetta allo stato d’emergenza e in 10 mesi di sospensione delle garanzie democratiche sono stati eseguiti decine di migliaia di arresti in ogni settore della vita pubblica, dalla politica all’esercito, dalla magistratura, alla scuola e, ovviamente, all’informazione. Sono oltre 150 i giornalisti in carcere. Per loro è per tutti coloro che Erdogan vuole zittire continueremo a portare avanti la nostra campagna contro il bavaglio turco.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*