Rapporto Freedom House, Fnsi: «Conferma criticità italiane, da conflitto di interessi a minacce ai cronisti»

0 0

«Parzialmente libera. Così il Report 2017 di Freedom House sulla libertà di stampa nel mondo etichetta la situazione in Italia, confermando le criticità strutturali dell’informazione nel nostro Paese: gli irrisolti conflitti di interessi, il perdurante controllo politico sulla Rai, la debolezza delle normative antitrust, le minacce continuate e ripetute da parte della politica, ma anche della criminalità organizzata, nei confronti dei cronisti e del diritto di cronaca: minacce fisiche, verbali e sotto forma di “querele temerarie”». Lo affermano, in una nota, il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti.
«Sono temi – proseguono – che il sindacato dei giornalisti affronta da tempo, confrontandosi con tutti gli interlocutori in grado di contribuire a superare gli ostacoli che impediscono all’informazione italiana di essere davvero libera da condizionamenti e censure. Battaglie che la Federazione nazionale della stampa italiana combatte al fianco dei cronisti che ogni giorno con il loro lavoro garantiscono ai cittadini un’informazione corretta e completa e che per il loro impegno spesso rischiano in prima persona. Le loro storie, le storie dei giornalisti “sotto attacco”, saranno al centro della Giornata mondiale della libertà di stampa, il 3 maggio, che la Fnsi celebrerà con tre appuntamenti: a Reggio Calabria, Torino e Milano».