Sei qui:  / Blog / CORTILE DI FRANCESCO: RAVASI, INCONTRO DI VOCI CHE DIALOGANO IN LIBERTA’

CORTILE DI FRANCESCO: RAVASI, INCONTRO DI VOCI CHE DIALOGANO IN LIBERTA’

 

Umanità: ad Assisi in dialogo credenti e non credenti

RODOTÀ: Siamo tutti stranieri
BUTTAFUOCO: Solitudine parola più tragica
AVATI: Ci salverà la nostalgia del presente
STRADA: Questo è un mondo capovolto
ZANOTELLI: Avete mai pianto? E allora?
DE MASI: Umanità sull’orlo della follia
DAVERIO: Qui nasce il sorriso e la lacrima
FLICK: Troppi per essere dignitari rinunciano alla dignità
MOUSSA: L’altro, il diverso, è un dono
LERNER: Riconoscere la comune umanità, anche quando è scomodo, è regola per capire noi stessi
CAMUSSO: San Francesco si sarebbe iscritto alla Cgil
MORETTI: Volkswagen infranto principio di responsabilita sociale.
BOERI: Necessario patto generazionale più equo e sostenibile
BAUMAN: “La divisione è una punizione”. “Il primo grande problema è il divorzio tra potere e politica”. “La crisi dell’Europa esiste per una mancanza di fiducia”. “Abbiamo trasformato i luoghi in cui viviamo, in luoghi di sospetto e competizione. Per questo c’è poca solidarietà”.
CUCINELLI: San Francesco per me è padre ispiratore


Il cardinale Ravasi e la presidente Rai, Monica Maggioni hanno chiuso la manifestazione il “Cortile di Francesco” un punto di incontro che monsignor Ravasi ha descritto come un luogo in cui “due voci completamente diverse, vedendo una realtà importante, riescono ad entrare non completamente in sintonia, ma in armonia e questo è quello che è accaduto in questi giorni”. Un evento che ha messo al centro l’umanità e l’incontro tra credenti e non credenti, ma “l’altra parola fondamentale – ha commentato il cardinale – insieme a incontro è dialogo. Perché il cortile non è nell’interno del tempio e non è nell’interno del palazzo. Il cortile ha sopra il cielo aperto e quindi l’incontro delle voci degli argomenti avviene nella totale libertà. Abbiamo scelto il tema dell’umanità che ha almeno due accezioni: umanità significa tutti i figli di Adamo, uomini e donne. L’umanità nella sua molteplicità e diversità. Dall’altra parte vuol dire però anche, come diciamo noi popolarmente, una persona umana è dolce, tenera e comprensiva. Forse ai nostri giorni abbiamo bisogno un pò di questa umanità, soprattutto quando vediamo il sangue che stria le strade in maniera violenta”.  Il Cortile secondo la presidente Rai, Maggioni ha “il valore di tutti gli appuntamenti nei quali si incontrano  persone che hanno storie, visioni e percorsi diversi e decidono di trovarsi in una sorta di terreno comune in cui confrontarsi, dialogare e guardarsi negli occhi e cercare un percorso possibile, che non vuol dire necessariamente un percorso che mette d’accordo tutti, ma un percorso nel quale ci si confronta con il gusto della scoperta dell’altro e non dell’opposizione all’altro”. Perché non è una questione di stile di vita “ma – ha concluso la Maggioni – di sostanza”.

Zygmunt Bauman
è stato il protagonista dell’incontro “Da Babele a Lampedusa: la necessità del poliloquio in un mondo di diaspora. Una fotografia, quella del sociologo e filosofo, che ha mostrato una “divisione che è punizione. Lo straniero è visto come un qualcosa di imprevedibile, come un rompicapo che ci fa sentire insicuri”. Una incertezza che logora il mondo a causa della quale “non sappiamo andare avanti. I migranti impersonano la nostra fragilità e senso di paura”.

Anche Brunello Cucinelli ha partecipato al Cortile di Francesco. Prima di prendere parte alla conferenza “L’economia e il bene comune” ha risposto ad alcune nostre domande. Quanto è importante l’umanità nelle scelte di un  imprenditore? “L’umanità è sempre stata importante. E’ al centro della mia vita. Ho sempre cercato di agire considerandola come nobile fine e non come semplice mezzo. Quello che stiamo vivendo è un momento di grande risveglio e di grandi ideali. Sarà il secolo d’oro”. Per chi è lei San Francesco? San Francesco è uno dei miei padri ispiratori: quando parla della bellezza, della semplicità, quando chiede a Chiara di presentarsi con l’abito più bello proprio per andare davanti a Dio. Assisi è un luogo bello. Veramente bello. Speciale”.

Da sanfrancesco

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE