Sei qui:  / Blog / Massacro Kenya, ong mobilitate per gli aiuti: “Allerta massima ma restiamo”

Massacro Kenya, ong mobilitate per gli aiuti: “Allerta massima ma restiamo”

 

Tra i primi a prestare soccorso gli operatori di Amref : “Continueremo ad assicurare presenza ma dobbiamo tutelare anche il nostro staff”. L’allarme di Save the children: dal 2009 diecimila attacchi alle scuole. “Un atto orribile e spaventoso”

ROMA – “Questa mattina abbiamo sentito i nostri operatori a Garissa, sono emotivamente molto scossi ma già da ieri, nelle primissime ore dopo la strage si sono adoperati per dare aiuto. Continueremo ancora a prestare soccorso e a ribadire la nostra presenza lì, anche se ora il livello di sicurezza è molto alto e abbiamo l’esigenza di tutelare il nostro staff”. A sottolinearlo è Roberta Rughetti, responsabile dei progetti Africa di Amref. L’associazione, che ha la casa madre proprio in Kenya, opera con 33 dipendenti a Garissa, la città diventata teatro ieri della strage terrorista costata la vita agli studenti di un college universitario. Il massacro ad opera dei jihadisti somali di Al Shabab, restituisce un bilancio drammatico: almeno 147 i morti, diversi i dispersi e circa 70 i feriti. Molti degli studenti uccisi erano cristiani. “Il nostro personale sul posto ha risposto subito alle chiamate di emergenza – spiega Rughetti – con un medico e due infermiere che hanno prestato i primi soccorsi. Abbiamo attivato anche il servizio di flying doctors, inviando a Garissa un’equipe medica a bordo di tre aerei per aiutare a gestire le vittime e le possibili evacuazioni”.
Dopo lo choc, ora si riflette sulle misure di sicurezza. Nel paese, dove sono attive diverse organizzazioni umanitarie l’allarme terrorismo è ormai al livello di massima di allerta. “Sapevamo che Garissa era una zona sensibile, lo è da tempo, anche per la vicinanza al campo profughi di Dabab, il più grande dell’Africa centrale – continua Rughetti – Chiaramente esistono dei protocolli sicurezza per tutelare gli operatori, oggi però l’allerta è aumentata. In questo momento abbiamo bisogno di tutelare lo staff, che è composto da personale locale – conclude la responsabile di Amref – continueremo a lavorare e a prestare aiuto previa autorizzazione. Ma la nostra presenza rimane anche a Garissa”. Esprime preoccupazione anche Attilio Ascani, direttore di Focsiv, la federazione che racchiude i servizi di volontariato nel mondo. “C’è un accanimento nei confronti della scuola, della cultura e del  progresso – sottolinea -. Lo vediamo in questo filo rosso che lega il Pakistan alla Nigeria. E desta allarme anche questa spinta a trasformare in guerra di religione in quello che con la religione c’entra poco. Non bisogna dimenticare che quanto è successo è, in parte, anche una risposta alla guerra dei droni combattuta in Somalia, a cui l’occidente non è estraneo. La Somalia  – aggiunge – è stata abbandonata per decenni e ora è un paese che sanguina. Dobbiamo trovare modalità diverse per costruire stabilità, i problemi non si possono risolvere militarmente, ma serve diplomazia e dialogo”.
Allarme Save the children: dal 2009 diecimila attacchi alle scuole in 70 paesi.  “L’orribile attacco all’ostello dell’università di Garissa, è spaventoso e ci lascia sgomenti. Il semplice atto di andare a scuola o all’università sta diventando sempre più pericoloso per centinaia di migliaia di bambini e giovani in molti paesi del mondo, con un crescendo di attacchi diretti contro le scuole”. A lanciare l’allarme è Duncan Harvey, direttore di Save the Children in Kenya, che ricorda come già il 2014 si è chiuso con il terribile attacco ad una scuola a Peshawar in Pakistan, nel quale sono morte 141 persone di cui 132 erano bambini. Dal 2009 – ricorda Save the children – ci sono stati 9.500 attacchi nelle scuole di 70 paesi. In Siria, dove 3 milioni di bambini non hanno accesso alle scuole, centinaia di insegnati sono morti e migliaia sono scappati dal Paese, un quarto delle scuole sono state danneggiate o distrutte. Un bilancio simile riguarda anche Gaza dove lo scorso anno 148 scuole sono state distrutte o danneggiate dal conflitto. Anche in Afghanistan ci sono stati 73 attacchi alle scuole e in Nigeria 300 studentesse di Chibok sono ancora nelle mani di chi le ha rapite.  “Quando si attaccano le scuole, si nega ai bambini il diritto di essere protetti e poter studiare in un luogo sicuro. Il diritto all’educazione è tanto più fondamentale se vogliamo salvare intere generazioni di bambini colpiti dai conflitti o dalle violenze. Dobbiamo evitare con tutte le nostre forze che si ripeta quanto accaduto oggi in Kenya,” conclude Valerio Neri, direttore di Save the children Italia.

Da redattoresociale.it

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE