Sei qui:  / Blog / Il Guardian dedica uno speciale all’immigrazione

Il Guardian dedica uno speciale all’immigrazione

 

La testata inglese «The Guardian» ha lanciato il 25 marzo uno speciale sull’immigrazione.

Una ricca offerta di articoli, opinioni, storie per  “aiutare a rompere i tabu” sul tema. L’editorialista, Jonathan Freedlandexecutive editor, chiarisce l’intento del quotidiano: la scelta insolita di scegliere un unico tema di approfondimento nasce dalla consapevolezza che non è vero che di immigrazione non si è mai parlato, ma che al contrario se ne è parlato fin troppo. «The problem is the way we talk about it». Per almeno una generazione, sostiene Freedland, si è discusso su ciò che l’immigrazione «faceva per noi e a noi». Gli oppositori dicono che i migranti sono un costo insostenibile per l’economia mentre i difensori dicono che portano prosperità e ricchezza culturale al paese.

Con lo speciale il Guardian ha voluto una “nuova luce”, nuove prospettive, a partire dalle 100 storie che sono state raccolte su coloro che sono migrati in Gran Bretagna.

Oltre alle varie storie “normali” o di successo, come quella del magnate George Soros, lo speciale offre un corollario di posizioni, come quelle dell’ex direttore del Sun Kelvin MacKenzie che si scopre un appassionato pro-immigrazione e dell’attrice e scrittrice Meera Syal che ricorda la sua infanzia in Inghilterra come figlia di immigrati.

Spazio anche al dibattito politico, ma con uno sguardo al passato e alle scelte dei Labour in primis. Ecco allora la vera storia di come il partito progressista ha aperto le porte della Gran Bretagna ai nuovi arrivati ​​dall’Europa orientale e il mea culpa dell’ex ministro degli Interni David Blunkett sulle politiche del Labour Party, fino all’opinione dell’economista Paul Ormerod che afferma che la sinistra ha sbagliato sull’immigrazione.

Da cartadiroma.org

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE