Sei qui:  / Opinioni / I martiri palestinesi

I martiri palestinesi

 

Il portavoce della polizia israeliana M. Rosenfeld ha riferito all’inviato BBC di Gerusalemme J. Donnison che il movimento Hamas nel rapimento e uccisione dei tre adolescenti israeliani non è coinvolto. E’ probabile che il crimine sia stato perpetrato da cellula solitaria che non agisce sotto la leadership di Hamas, anche perché se questi avesse ordinato il rapimento la polizia l’avrebbe intercettato in tempo.

https://twitter.com/JonDonnison/statuses/492632584736612353

Dunque? Intanto notiamo che la notizia non è stata ripresa dalle nostre testate nazionali: la ritengono superflua in quanto danno per scontato che l’opinione pubblica ormai è educata al fatto che per giustificare genocidi e stragi è indispensabile inventare potenti balle possibilmente terroristiche? E’ possibile. Poi prendiamo atto che Obama e Onu impongono a Netanyahu l’immediato “cessate il fuoco”: se rifiuta lo portano a Guantanamo? Ma per piacere! La quinta potenza mondiale in fatto d’esercito va a fare le guerre contro gli straccioni (tra questi ne ha massacrati migliaia e feriti decine di migliaia) possibilmente donne e bambini che è più facile. E s’incazza pure se poi quelli si fanno chiamare martiri: e che altro sono?!

C’invischiano d’ipocrisia e c’invitano a infischiarcene…
Mia nonna diceva che a forza di stare vicino a chi rimesta nella cacca t’abitui  al puzzo e siccome è inevitabile che prima o dopo qualche schizzo lo becchi, c’è pure il rischio che manco t’accorgi più pesantemente d’imbrattarti…

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE