Sei qui:  / News / Sciopero Adnkronos: Siddi scrive al Sottosegretario all’Editoria, Giovanni Legnini

Sciopero Adnkronos: Siddi scrive al Sottosegretario all’Editoria, Giovanni Legnini

 

In relazione alla grave situazione all’ordine dello sciopero dei giornalisti all’ AdKronos e a nuovi venticelli di restrizione dell’occupazione in altre agenzie di stampa, il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Franco Siddi, ha scritto una lettera al Sottosegretario all’Editoria, Giovanni Legnini, e ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“L’intollerabile situazione determinatasi nell’agenzia di stampa Adn Kronos con l’annuncio unilaterale dell’avvio di licenziamenti collettivi per venti giornalisti e il preannuncio di inasprimento delle politiche di ristrutturazione dell’occupazione a TmNews, nonché le ricorrenti voci di tensioni sul lavoro in altre agenzie di stampa segnalano una nuova emergenza per il sistema dell’informazione. E’ inaudito che all’Adn Kronos si tenti una spallata muscolare contro i giornalisti, i lavoratori. E’ implausibile, poi, il nuovo vento di restrizioni per TmNews.

La Fnsi ha già chiesto, per Adn Kronos, alla Fieg di fare la sua parte di garante degli accordi pattizi sul lavoro giornalistico e di aprire con urgenza un tavolo di confronto in sede sindacale nazionale. Ma è di tutta evidenza che la questione occupazione giornalistica – agenzie, così come si sta profilando, pone una grande questione che va monitorata dal Governo soprattutto in relazione ai rapporti pubblici esistenti con queste imprese editoriali. E’ impensabile che a poco più di 20 giorni dalla firma delle nuove convenzioni con lo Stato, ci siano agenzie di stampa che si muovano in un modo scomposto e grave, come nel caso di Adn, o immaginando di appesantire gli oneri per gli interventi del sistema di solidarietà collettivo, come per TmNews. Per queste ragioni, pertanto, la Fnsi ha chiesto al Sottosegretario all’Editoria, Giovanni Legnini, un’iniziativa urgente, dichiarandosi disponibile ad ogni approfondimento per l’apertura di un tavolo di valutazione, anche in relazione  alla specificità delle obbligazioni sociali che debbono essere assicurate da chi ha vincoli di rapporti pubblici”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE