Sei qui:  / Blog / I conti del ministro Saccomanni non tornano. Penalizzati pensionati e disoccupati

I conti del ministro Saccomanni non tornano. Penalizzati pensionati e disoccupati

 

CGIA: Pressione fiscale in calo, ma nuove tasse per 6 miliardi di euro. Bortolussi: “A seguito dell’aumento della pressione tributaria, i più penalizzati saranno i pensionati e coloro che non lavorano”

VENEZIA – Nel 2014 la pressione fiscale diminuirà dello 0,1 per cento, ma nonostante ciò, gli italiani pagheranno quasi 6,1 miliardi di euro di nuove tasse. Se in un primo momento tutto ciò può sembrare un paradosso, in realtà, visti i dati presentati il 29 ottobre scorso dal ministro Saccomanni nell’audizione tenutasi presso le Commissioni riunite di Camera e Senato, le cose andranno proprio in questo modo a meno che il Parlamento non le modifichi in sede di approvazione del disegno di legge sulla Stabilità. A dirlo è la CGIA.  

Analizziamo i dati presentati dal Ministro. Nel 2014 la pressione fiscale si attesterà al 44,2 per cento, 0,1 punti in meno rispetto al 2013: ricordando che la pressione fiscale è data dalla somma tra la pressione tributaria e quella contributiva, è utile esaminare anche l’andamento degli addendi.

Nota tecnica:

PRESSIONE FISCALE = Pressione tributaria + Pressione contributiva

– Pressione tributaria: rapporto tra la somma delle imposte dirette, indirette, in conto capitale     e il PIL. Questo indicatore attiene al criterio del sacrificio: il gettito di imposte, tasse e tributi va a finanziare i beni comuni (come la sanità, la giustizia, la scuola, etc.);

– Pressione contributiva: rapporto tra il gettito dei contributi previdenziali e il PIL. Questo indicatore, invece, attiene al criterio del beneficio. Più soldi verso allo Stato, maggiore sarà la pensione che  otterrò una volta terminato

– Pressione fiscale: rapporto tra la somma del gettito tributario, contributivo e il PIL.

In termini assoluti le entrate tributarie cresceranno, rispetto al 2013, di oltre 17 miliardi di euro. Undici miliardi saranno riconducibili alla crescita nominale del Pil che trascinerà verso l’alto il gettito di imposte, tasse e tributi, gli altri sei, invece, graveranno sulle tasche di tutti noi a seguito

·        dell’aumento dell’Iva avvenuto a partire dallo scorso primo ottobre (+ 3,17 miliardi di euro);

·        della diminuzione della deduzione forfetaria dal 15 a 5 per cento in capo ai locatori (627 milioni di euro);

·        dell’incremento del gettito Iva dovuto allo sblocco dei pagamenti della Pubblica Amministrazione (600 milioni di euro);

·        del ritocco all’insù delle accise sui carburanti, sul vino, sulla birra, etc. (284 milioni);

·        dell’incremento dell’Iva sugli alimenti e le bevande in vendita presso i distributori automatici (104 milioni di euro);

·        di altri 1,108 miliardi di euro di maggiori entrate nette “introdotte” dal disegno di legge sulla Stabilità, così come approvato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nelle settimane scorse.

Pertanto, nel 2014 la pressione tributaria salirà al 30,5 per cento, 0,2 punti in più del valore raggiunto quest’anno.

Rispetto al 2013, invece, le entrate contributive aumenteranno di oltre 1,9 miliardi di euro: le ragioni vanno ricercate  negli aumenti delle aliquote previdenziali che interesseranno i lavoratori autonomi e nell’incremento del gettito contributivo in capo ai lavoratori dipendenti per via degli aumenti contrattuali.

Nonostante ciò, la pressione contributiva scenderà di 0,3 punti attestandosi al 13,7 per cento. Questa diminuzione del valore percentuale si verificherà perché l’anno prossimo il Pil crescerà in misura maggiore dell’incremento registrato dalle entrate contributive.

Pertanto, sommando la variazione della pressione tributaria  (+ 0,2) con quella contributiva (- 0,3) otterremo una diminuzione della pressione fiscale di 0,1 punti: quest’ultima si attesterà al 44,2%.

Rispetto al 2013, gli italiani saranno chiamati a pagare 17 miliardi di tasse in più: 11 li possiamo ritenere “indolori”, perché derivano dall’aumento del reddito nazionale (più si produce ricchezza, maggiori solo le entrate), mentre gli altri 6 miliardi sono originati da precise disposizioni normative e rischiano di mettere in seria difficoltà soprattutto le famiglie.

“Se la diminuzione della pressione contributiva interesserà solo gli occupati, l’aumento di quella tributaria – segnala il Segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi – ricadrà su tutti i cittadini, penalizzando soprattutto i pensionati e coloro che non lavorano. Purtroppo, questi ultimi non potranno beneficiare della contrazione del carico contributivo.”

Come per la pressione fiscale, anche la spesa pubblica (al netto degli interessi sul debito) subirà una contrazione. Infatti, dal 46,3 per cento del Pil previsto per quest’anno, scenderà al 45,5 per cento (-0,8) nel 2014, mentre in termini assoluti  le spese al netto degli interessi passeranno dai 722 miliardi di euro di quest’anno ai 729,7 miliardi previsti per il 2014 (+ 7,6 miliardi di euro). Se in termini assoluti le uscite pubbliche continueranno ad aumentare, in rapporto al Pil scenderanno.  Questo avverrà perché il Pil crescerà percentualmente in misura superiore all’aumento della spesa (nel 2014, rispetto al 2013, il Pil nominale crescerà del 3 per cento, mentre la spesa pubblica al netto degli interessi salirà “solo” dell’uno per cento circa).

PRESSIONE TRIBUTARIA, CONTRIBUTIVA E FISCALE

(Gli importi in valore assoluto sono espressi in milioni di euro)

ENTRATE 2013 2014 Var.

2014 – 2013

Entrate Tributarie 472.336 489.527 +17.191
PRESSIONE TRIBUTARIA  (a) 30,3% 30,5% +0,2
       
Contributi sociali 218.190 220.126 +1.936
PRESSIONE CONTRIBUTIVA (b) 14,0% 13,7% -0,3
       
PRESSIONE FISCALE (c) = (a+b) 44,3% 44,2% -0,1
PIL Nominale 1.558.277 1.604.381

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA su dati Ministero delle Finanze

 

Nota I dati sono stati tratti dall’audizione del Ministro dell’Economia e delle Finanze tenutasi il 29 ottobre 2013 presso le Commissioni riunite di Camera e Senato. Queste cifre non tengono conto delle modifiche apportate nei giorni scorsi al ddl di Stabilità  dal Senato.

 

IL GETTITO DELLE NUOVE TASSE CHE PAGHEREMO NEL 2014

Importi in milioni di euro

Prelievo milioni di euro
IVA: aumento aliquota ordinaria dal 21% al 22% (1) 3.177 (a)
Affitti: diminuzione deduzione forfetaria dal 15% al 5% 627 (b)
Entrate tributarie derivanti dai Decreti Legge emanati nel 2013 (2) 1.187 (c)
       di cui  
      aumento gettito IVA a seguito pagamenti debiti Pubblica Amm.ne 600
      aumento accise carburanti, vino, birra, oli lubrificanti e alcol 284
      aumento aliquota IVA alimenti e bevande distributori automatici 104
   
Maggiori entrate nette derivanti dalla Legge di Stabilità (3) 1.108 (d)
   
TOTALE (d) =(a+b+c+d) 6.099

Elaborazione: Ufficio Studi CGIA su dati Ministero delle Finanze

 

Nota Gli importi sono stati riportati come risultano dalle relazioni tecniche allegate ai vari provvedimenti.

(1)         L’aumento dell’aliquota IVA dal 21% al 22% è avvenuto il 1 ottobre 2013, interessando 1 solo trimestre del 2013, nel 2014 riguarderà l’intero anno:

(2)         D.L. 08/04/2013 n 35; D.L. 04/06/2013 n 63; D.L. 21/06/2013 n 69; D.L. 28/06/2013 n 76; D.L. 08/08/2013 n 91; D.L. 31/08/2013 n 102; D.L. 12/09/2013 n 104

(3)         Le maggiori entrate tributarie nette si riferiscono al Disegno di Legge di Stabilità 2014 senza tenere conto delle modifiche apportate dal Senato che, comunque, non influenzano in maniera rilevante il saldo.

Da dazebao.it

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE