Sbarchi_Lampedusa

L’analisi puntuale fatta dal rapporto di carta di roma ci racconta che il 2013 è l’anno in cui il linguaggio cambia. La visita del papa a Lampedusa porta ad un cambio di passo: quelli che erano clandestini si trasformano in profughi, vittime di tragedie, poi diventeranno naufraghi in ottobre con il naufragio di Lampedusa. Diciamo che […]


turchiainformazione

Per dimostrare la nostra solidarietà alla popolazione turca à cui viene tolto il diritto di essere informati e ai giornalisti a cui viene tolto quello di informare.

L

Articolo21: “ci auguriamo che il Premio possa continuare a vivere perché ha rappresentato e rappresenta un patrimonio civile per chi continua coltivare i valori racchiusi nell’articolo 21 della Costituzione”

V

Ad aver condannato Veronica, la giovanissima mamma di Loris, anche la folla di coloro che guardano la tv…

violenza-contro-le-donne

La violenza maschile diventa la cartina di tornasole sulla vera condizione delle donne

Interviste

Spazio pubblicitario disponibile

virna lisi

Anche un addio doloroso può essere dolce, e la scomparsa di Virna Lisi risalta nei titoli e nei servizi dei Tg regalando una volta tanto alla serata dell’informazione un’aurea più spessa della scontata bidimensionalità insita nelle immagini

 
messico_400

“E’ sorprendente che la Camera abbia deciso di rinunciare all’opportunità, offerta da un ordine del giorno del deputato Michele Anzaldi, di denunciare con forza quanto di grave avviene in Messico a danno della libertà di informazione. Centodue giornalisti uccisi dal 2000 e altri 17 scomparsi non sono episodi che si possano ignorare per ragioni meramente formali”. Lo afferma in una nota Enzo Iacopino

 
1294501_670314729734520_1151717521516035500_o

Dopo due anni dalla grande manifestazione del 15 dicembre 2012, quasi completamente ignorata da media e stampa nazionale, Taranto riprova a far sentire la sua voce il 19 dicembre

 
franco-bomprezzi

E’ stato giornalista, scrittore, consulente del Comune di Milano e presidente della Ledha-Lega per i diritti delle persone con disabilità

 
mamma-loris-default

Corre l’obbligo civile di prendere in esame –con amarezza e disgusto- l’orgia mediatica in atto attorno alla presunta colpevole del più efferato tra i delitti:

 
lirioabbate2

Oggi si è svolta innanzi la decima sezione del Tribunale di Roma l’arringa dell’avvocato Giosuè Bruno Naso, storico difensore di Massimo Carminati. Naso ha ironicamente affermato che il giornalista dovrebbe essere chiamato “DeLirio” Abbate…

 
tuttipossonosbagliare

A causa di un errore banale, Andrea Signorelli, giovane giornalista freelance, deve pagare 8000 euro ad un noto politico. Ecco la sua storia e il crowdfounding organizzato dalla sua redazione per sostenere il giornalista e la libertà di informazione

 
benigni

Roberto Benigni ha indicato il teologo valdese Paolo Ricca, come uno dei principali consulenti del suo spettacolo. L’Agenzia stampa NEV ha chiesto a Ricca di raccontare com’è nata e come si è sviluppata questa collaborazione

 
costituzione

Aderiscono: Associazione per la democrazia Costituzionale, i Comitati Dossetti, La rete per la Costituzione, Articolo21, Magistratura democratica, Iniziativa 21 giugno (Lib Lab), l’Associazione Giuristi democratici, l’Ars, il Manifesto in rete, “Agire politicamente”…

 
malasanità

All’alba del 2015, le infezioni nosocomiali rappresentano un fenomeno ancora tristemente frequente che provoca ogni anno nel nostro Paese almeno 7000 vittime. Sono cifre da guerra civile.

 
siriatorture

La CIA inganna abitualmente la Casa Bianca sui delitti che ordina o commissiona e questa, a sua volta, usa la CIA costringendola a mentire

 
Schermata 2014-12-17 alle 20.59.47

La notizia è di quelle che, si spera, riempirà più di un paragrafo dei manuali di storia: l’annuncio contemporaneo di Obama e Raul Castro sulla fine dell’embargo e la ripresa dei rapporti amichevoli tra Stati Uniti e Cuba. L’impatto nelle redazioni giornalistiche è forte, e i Tg di prime time ne colgono correttamente il valore: […]

 
103636485-3025c95a-882b-42f6-9795-afda9430b8ee

“Volevamo che i militari che ci perseguitano provassero il nostro stesso dolore”. Con questa frase, un portavoce dei talebani pakistani ha rivendicato la strage di bambini avvenuta ieri in una scuola di Peshawar.