Sei qui:  / Blog / Stati di tracciamento progressivo

Stati di tracciamento progressivo

 

Prosegue il gioco del film citazione. Astenersi perditempo. Perdonate il vezzo e proseguite tranquilli nella lettura, se volete, non di film o di citazioni parleremo, ma come si evince dal titolo proveremo a condurVi nel magico mondo delle app per contrastare l’avanzata del virus pandemico meglio conosciuto come Covid19. La domanda sorge spontanea a questo punto, ma servirà davvero un’app, da installare sui nostri “mobile device”, (si scherza lo sapete), per sbarrare la strada al terribile nemico della nostra salute? Non siamo certo noi in grado di stabilirlo e non ci passa neanche per l’anticamera del cervello prendere posizione in materia. Se gli esperti ritengono che nel kit delle contromisure ci sia spazio anche per un ausilio digital/elettronico/personale, ben venga. Però, a questo punto,  permetteteci di fare il nostro lavoro di studiosi, provare a scoprire, quale sia lo scenario presente nel mondo digitale e analogico,  per capire come effettuare al meglio questa scelta. Una sorta di riassunto delle puntate precedenti per non perdere di vista, dentro all’emergenza della pandemia, i nostri diritti, insieme ai doveri (quelli è difficile non averli sotto mano) che ci vengono chiesti, ricordati, e un pochino anche imposti, in questi giorni/settimane/mesi dai nostri amministratori pubblici: locali, regionali e statali. Il concetto su cui ci piacerebbe riflettere assieme a Voi è quello della “responsabilizzazione”un concetto molto caro al sociologo della complessità Piero Dominici, che nel suo ultimo libro: “Dentro la società interconnessa” dice a proposito:

“…è stata creata quasi una mitologia dell’individuo autonomo e svincolato da ogni legame, un individuo che, per le sue azioni, sembra non debba rispondere a niente e nessuno: altro che il riferimento alla ben nota distinzione tra etiche dell’intenzione ed etiche della responsabilità. Siamo andati ben al di là di ogni vincolo giuridico e/o culturale: contano il denaro e il consumo e l’unico (micro)potere dei cittadini sembra essersi ridotto ad essere consumatori. Tali dimensioni,  insieme al vuoto di significato lasciato dalla crisi delle ideologie, hanno prodotto, tra le conseguenze, anche una sorta di disarmo morale, che nutre la società dell’irresponsabilità priva di qualsiasi etica del sacrificio”.

Responsabilizzare, esattamente l’opposto di quello fa/farebbe una app. Che attraverso la tecnologia controlla… continua su lsdi

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE