Sei qui:  / Articoli / Esteri / Cambogia, due giornalisti in attesa del processo da due anni per false accuse di spionaggio

Cambogia, due giornalisti in attesa del processo da due anni per false accuse di spionaggio

 
Sono passati due anni da quando, il 14 novembre 2017, i due giornalisti cambogiani di “Radio Free Asia” Yeang Sothearin e Uon Chhin sono stati arrestati e tradotti nella prigione di Prey Sar.
Due anni senza che le indagini abbiano prodotto alcuna prova a sostegno dell’accusa iniziale di “aver fornito a uno stato estero informazioni dannose per la difesa nazionale”, cui nel marzo 2018 si è aggiunta quella, ulteriormente ridicola, di “produzione di materiale pornografico”.
Dal 21 agosto 2018 i due giornalisti sono in libertà provvisoria in attesa del processo. Questo avrebbe dovuto iniziare il 3 ottobre di quest’anno ma – di fronte all’assenza di prove – è stato disposto un supplemento d’indagini.
Yeang Sothearin e Uon Chhin rischiano 16 anni di carcere.
Radio Free Asia è stata costretta a chiudere il suo ufficio di corrispondenza dalla Cambogia già nel settembre 2017. Lo stesso è accaduto al quotidiano indipendente “Cambodia Daily”.
Nel maggio 2018 l’ultimo quotidiano indipendente rimasto in circolazione, il “Phnom Penh Post”, è stato venduto a uomini d’affari legati al primo ministro Hun Sen.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE