Sei qui:  / Blog / Le imprese editoriali nell’era di Internet

Le imprese editoriali nell’era di Internet

 

Aggiungiamo un nuovo tassello al nostro lavoro di analisi sugli Stati generali dell’editoria, che si sono tenuti nei mesi scorsi a Roma per volontà dell’ex viceministro con delega all’editoria Vito Crimi per fare il punto sulla crisi del settore e mettere in grado il Governo di realizzare una serie di interventi per aiutare le aziende del comparto a far fronte alle difficoltà in corso. Il passaggio che proviamo a raccontarVi riguarda: “Le imprese editoriali nell’era di Internet: evoluzione e tenuta del sistema Introduzione”.  Un passaggio, nodale, almeno nel titolo, che si è svolto il 20 giugno scorso,  presso la sala polifunzionale della Presidenza del  Consiglio dei Ministri. A dividere  il palco con l’ex sottosegretario Crimi e il capo del dipartimento per l’editoria e l’informazione Ferruccio Sepe c’erano questa volta  i relatori:  Matteo Bonelli, avvocato esperto in diritto societario, e  Ruben Razzante, professore di diritto della comunicazione per le imprese e i media e di diritto dell’informazione all’Università Cattolica di Milano.

Introduzione

Vito Crimi: L’intervento del Pubblico è stato a mio avviso – siamo qui a discuterne – indirizzato in una direzione unilaterale: che è quella del sostegno all’editore, affinché svolga il proprio lavoro.  Anziché guardare al sistema nella sua interezza. Un tema emerso dall’indagine dell’Agcom sull’informazione locale,  è quello che c’è una grande domanda di informazione. Ma se c’è una grande domanda di informazione perché c’è questo problema di crisi? Se la domanda aumenta,  forse l’offerta non è corrispondente al tipo… Continua su lsdi

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.