Sei qui:  / Blog / Giornalismo radiotelevisivo: garanzie di libertà e indipendenza professionale

Giornalismo radiotelevisivo: garanzie di libertà e indipendenza professionale

 

Dopo la pausa estiva torniamo ad occuparci degli Stati generali dell’editoria. Riprendiamo il nostro lavoro di analisi puntuale di tutti gli incontri fra addetti ai lavori e rappresentanti delle istituzioni voluto dal Governo –  oramai ex – per analizzare la crisi del comparto e mettere a punto interventi a supporto. Proseguiamo ripartendo dall’incontro del 6 giugno scorso, tenutosi nella  Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dedicato al “Giornalismo radiotelevisivo: garanzie di libertà e indipendenza nello svolgimento della professione”, cui hanno partecipato il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con delega all’informazione e all’editoria, Vito Crimi,  Marco Gambaro, Professore di Economia e Industria dei Media dell’Università Statale di Milano,  Ruben Razzante, Professore di Diritto della Comunicazione per le imprese e i media e di Diritto dell’Informazione dell’Università Cattolica di Milano, e Ferruccio Sepe, Capo Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria, che ha moderato l’incontro.

Come siamo soliti fare introduciamo l’argomento in discussione prendendo a prestito la definizione del vocabolario dell’enciclopedia Treccani. Oggi parleremo di radio e tv e quindi iniziamo dalla spiegazione contenuta sul vocabolario della scatola delle meraviglie, prima quella sonora;  e poi andremo a estrarre… Continua su lsdi

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE