Sei qui:  / Opinioni / Decreto(in) sicurezza bis. “E’ al colmo la feccia!”

Decreto(in) sicurezza bis. “E’ al colmo la feccia!”

 

L’11 giugno il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto/in /Sicurezza bis, proposto dal ministro dell’  Interno , M.Salvini. Un decreto ancora peggiore del primo con delle clausole che violano i principi fondamentali  del diritto e dell’etica. Sì , è soprattutto l’etica che è colpita a morte in questo decreto che bolla come reato  soccorrere una persona in mare, salvare un naufrago!! Per di più il Viminale potrà vietare ingresso, transito o sosta di navi con migranti a bordo nei nostri porti. Il comandante che disobbedirà sarà passibile di una  multa dai10 ai 50 mila euro e il sequestro dell’imbarcazione.

Adesso stiamo con il fiato sospeso per vedere cosa succederà alla Sea-Watch che, dopo aver salvato 43  naufraghi,sta aspettando al largo di Lampedusa di attraccare in un porto italiano. Siamo all’assurdo!  E’ un dovere salvare un essere  umano, un dovere che affonda le radici nella natura stessa dell’uomo che è in  primo luogo un ospite, ‘uno straniero residente’, come amava dire il filosofo Jacques Derrida. Un dovere codificato nel diritto internazionale, ma anche nella tradizione ebraica:”Il forestiero   dimorante tra voi lo tratterete come colui che è nato fra voi : tu lo amerai come te stesso.” -Levitico(19,34) e  cristiana :”Ero straniero e mi avete accolto” (Matteo25,35) Trovo incredibile che il Presidente della Repubblica  abbia subito firmato un tale obbrobrio!

Anche perché questo Decreto contiene una norma ‘ad personam’ cioè  toglie il potere al procuratore di Agrigento L.Paronaggio di intervenire sulle navi salva vita e lo concede invece al procuratore di Catania C.Zuccaro, quello che non aveva visto alcun reato nel comportamento di Salvini per la  “Diciotti”. E’ un abuso incredibile del potere politico! Ma questo decreto non è solo di Salvini e della Lega, ora è anche di Di Maio e dei Cinque Stelle, altrettanto responsabili per questa deriva razzista. Ma i Cinque stelle sono  tutti concordi con Di Maio? Se qualcuno non lo è, perché non alza la voce? Il Decreto passerà ora al Parlamento. Per questo mi appello a tutti i parlamentari, in particolare ai Cinque Stelle, perché lo boccino.

Come mai la Lega e i Cinque stelle rispettano solo alcuni punti del ‘contratto’, approvando addirittura   un secondo decreto Sicurezza? Ma nel ‘contratto di governo’, firmato da ambedue i partiti, la  ripubblicizzazione dell’acqua è ancora al primo punto del contratto. E per i Cinque stelle è la loro prima stella!  Se il governo giallo-verde si definisce ‘sovranista’, allora obbedisca a quello che il popolo sovrano ha  deciso con  26 milioni di voti al Referendum del 2011:l’acqua deve uscire fuori dal mercato e non si può  fare profitto sull’acqua! E intanto con l’art. 24 del decreto crescita si consegna l’acqua del Mezzogiorno ai  privati. Che tradimento!

Eppure la Legge sulla gestione pubblica dell’acqua è ancora bloccata in Commissione e non si riesce  a portarla in Parlamento. Mi appello al popolo sano di questo paese(e ce n’è tanto!) perché reagisca a questo sfascio umano e morale a  cui questa politica ci sta portando. Dobbiamo mettere da parte le nostre differenze e unirci, credenti e laici,  per salvare la nostra democrazia , ma soprattutto la nostra comune umanità. Infine mi appello ai vescovi perché proclamino con chiarezza che il Vangelo di Gesù cozza con quello di Salvini. Davanti a questa discesa nel baratro del rifiuto dell’altro, chiedo ai vescovi di lanciare una campagna ecclesiale di preghiera e di digiuno.

E’ da un anno che un gruppo di preti, suore, missionari/e, incoraggiati dal vescovo  emerito di Caserta, mons. R.Nogaro, ogni primo mercoledì del mese, digiunano davanti al Parlamento. Mai  come in questo momento la preghiera e il digiuno diventano strumenti potenti per scacciare il démone del  razzismo. In questo momento storico come cristiani abbiamo l’obbligo morale di esporci pubblicamente  per permettere la nascita di un’umanità al plurale.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE