Sei qui:  / Articoli / Rapporto 2019 Centro Astalli, un anno di attività e servizi in favore di richiedenti asilo e rifugiati

Rapporto 2019 Centro Astalli, un anno di attività e servizi in favore di richiedenti asilo e rifugiati

 

Una fotografia di richiedenti asilo e rifugiati che durante il 2018 si sono rivolti alla sede italiana del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati e hanno usufruito dei servizi di prima e seconda accoglienza che l’Associazione offre.

Il Rapporto, oltre a essere il resoconto di un anno di attività del Centro Astalli, contiene statistiche e commenti e si presenta come uno strumento per capire quali sono le principali nazionalità dei rifugiati che giungono in Italia per chiedere asilo; quali le principali difficoltà che incontrano nel percorso per il riconoscimento della protezione e per l’accesso all’accoglienza o a percorsi di integrazione.

Il Rapporto annuale 2019 descrive il Centro Astalli come una realtà che, grazie agli oltre 500 volontari, si adegua e si adatta ai mutamenti sociali e legislativi di un Paese che fa fatica a dare la dovuta assistenza a chi, in fuga da guerre e persecuzioni, cerca di giungere in Italia.

Ad arricchire la pubblicazione di quest’anno un inserto fotografico dedicato al lavoro quotidiano della Rete territoriale del Centro Astalli, che opera in sette città italiane, Roma, Palermo, Catania, Trento, Grumo Nevano (NA), Vicenza e Padova.

Un racconto fatto di volti, incontri e luoghi che parla di accoglienza e integrazione, valorizzato dai commenti di Liliana Segre, Simonetta Agnello Hornby e P. Federico Lombardi.

Presenta il Rapporto P. Camillo Ripamonti (presidente del Centro Astalli), interviene S. Em. Card. Gualtiero Bassetti (presidente della Conferenza Episcopale Italiana) e modera il giornalista Giovanni Floris.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE