Sei qui:  / Articoli / Informazione / Pistoia. Multata per aver distribuito volantini a contenuto culturale

Pistoia. Multata per aver distribuito volantini a contenuto culturale

 

Distribuisce volantini a contenuto politico e culturale in città, e le viene elevato un verbale dalla Polizia Municipale: è quanto accaduto, a Pistoia, ad un’esponente del Movimento per l’acqua pubblica la mattina di mercoledì 23 gennaio. L’episodio ha prodotto, nel volgere di pochi minuti, un intenso dibattito, iniziato sui social network e ripreso poi anche da alcuni quotidiani on line locali.Il primo a prendere posizione pubblica sul proprio profilo Facebook è stato il senatore Vannino Chiti, con un lungo post nel quale ha richiamato al rispetto della libertà di manifestazione del pensiero. In seguito, su alcuni gruppi Facebook locali, il dibattito si è intensificato, fra tanti cittadini che hanno chiesto spiegazioni ed alcuni rappresentanti istituzionali dell’Amministrazione che hanno giustificato l’accaduto richiamando il Regolamento di Igiene Urbana, vigente nella forma attuale fin dal 2008. In particolare, giova ricordare che la norma richiamata dai rappresentanti dell’Amministrazione Comunale vieta la distribuzione di volantini e di qualsiasi altro materiale cartaceo “di tipo pubblicitario-commerciale”.

Proprio sulla lettera del Regolamento il dibattito si è fatto serrato, in quanto risulta evidente che la normativa non può essere applicata al caso di specie, in virtù del fatto che i volantini la cui distribuzione è stata contestata non avevano contenuto né pubblicitario, né tantomeno commerciale.

Alcuni consiglieri comunali della maggioranza, che sui social hanno cercato di appellarsi a tale normativa, hanno sentito il dovere di precisare che dalla Giunta non era stato impartito alcun criterio interpretativo del Regolamento d’Igiene, con ciò intendendo che l’eventuale interpretazione estensiva della norma era conseguenza di una scelta dell’agente di Polizia Municipale che ha elevato il verbale.

Questi i fatti e le posizioni che si sono articolate in città.  Vedremo se, come prevedibile, ci saranno conseguenze in sede istituzionale e politica, ma intanto non sono pochi i cittadini che hanno espresso, pubblicamente, preoccupazione e disorientamento per l’accaduto. Perchè Pistoia è città vivace, densa di impegno politico, culturale, sociale.  E vorremmo che rimanesse così.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE