Sei qui:  / Blog / Aggressione neofascista contro giornalisti dell’Espresso, Fnsi e Cnog al fianco dei colleghi

Aggressione neofascista contro giornalisti dell’Espresso, Fnsi e Cnog al fianco dei colleghi

 

«Azioni che non sono degne di un Paese che si definisce civile», commentano sindacato e Ordine che «oltre ad una presa di posizione del Viminale» auspicano un’azione «più incisiva da parte delle istituzioni rispetto al riaffermarsi, in tutto il Paese, di frange di estrema destra e gruppi neofascisti».

La Federazione nazionale della Stampa italiana e l’Ordine nazionale dei giornalisti esprimono solidarietà ai colleghi dell’Espresso Federico Marconi e Paolo Marchetti, aggrediti a Roma da aderenti ad Avanguardia Nazionale e Forza Nuova. Come ricostruisce sul sito web dell’Espresso Giovanni Tizian, il cronista e il fotografo si trovavano nelle vicinanze del cimitero monumentale del Verano per documentare la manifestazione in ricordo dei morti di Acca Larentia organizzata da Avanguardia nazionale.

Un gruppo di neofascisti si è avvicinato a Marchetti e, con spinte e pesanti minacce, si è fatto consegnare la scheda di memoria della macchina fotografica. Altri militanti hanno quindi accerchiato il giornalista Federico Marconi e hanno iniziato a colpirlo con calci e schiaffi.

«Azioni che non sono degne di un Paese che si definisce civile e che rappresentano purtroppo solo l’ultimo episodio di violenza e intolleranza nei confronti di giornalisti ‘colpevoli’ solo di svolgere il proprio lavoro al servizio dei cittadini e del loro diritto a essere informati», affermano Fnsi e Cnog.

«Siamo convinti che i colleghi aggrediti, così come tutta la redazione dell’Espresso, continueranno con ancora più forza e determinazione a ‘illuminare’ un fenomeno, quello del riaffermarsi di frange di estrema destra e gruppi neofascisti in tutto il Paese, rispetto al quale, oltre ad una presa di posizione del Viminale, auspichiamo un’azione più incisiva da parte delle istituzioni», proseguono sindacato e Ordine.

«Siamo e saremo al fianco di Federico Marconi e Paolo Marchetti – concludono – in qualsiasi iniziativa riterranno di voler intraprendere in difesa delle loro persone e della loro professionalità e ci auguriamo che forze dell’ordine e magistratura facciano in fretta chiarezza sull’accaduto, anche in relazione al divieto di ricostituzione del partito fascista».

Aggressione fascista contro giornalisti Espresso, il comunicato del Cdr di Repubblica
Il Cdr e la Redazione di Repubblica condannano duramente l’inqualificabile aggressione di stampo neofascista nei confronti di due colleghi dell’Espresso, il giornalista Federico Marconi e il fotografo Paolo Marchetti.
I giornalisti di Repubblica, dell’Espresso e di tutto il Gruppo Gedi non si fermeranno davanti ad alcuna intimidazione, continueranno a documentare con scrupolo ogni fatto di cronaca e a denunciare qualsiasi deriva fascista.
Adesso ci aspettiamo che aggressioni indegne di un Paese democratico vengano perseguite dal Viminale e dall’autorità giudiziaria.

Unci: «L’aggressione al Verano figlia della delegittimazione continua del giornalismo»
L’Unione nazionale cronisti esprime solidarietà e vicinanza ai colleghi dell’Espresso Federico Marconi e a Paolo Marchetti, vittime questo pomeriggio di una brutale aggressione a Roma mentre documentavano lo svolgimento della manifestazione in ricordo dei morti di Acca Larentia, organizzata da Avanguardia nazionale.
In attesa che forze dell’ordine e magistratura individuino i responsabili del brutale atto di squadrismo, l’Unci denuncia ancora una volta che il clima culturale di accerchiamento permanente e di attacchi continui alla professione, specie se promossi da chi riveste cariche politiche e istituzionali, non può che portare a una pericolosa escalation di aggressioni verbali e fisiche dei cronisti, episodi di fatto sdoganati da chi invece dovrebbe essere il primo difensore dei diritti fondamentali della Carta costituzionale.

Da fnsi

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.