Sei qui:  / News / Leggi razziali. Rete Popolo palestinese: “tutti chiamati a riaffermare con vigore l’eguale dignità e valore di tutti i popoli della Terra”

Leggi razziali. Rete Popolo palestinese: “tutti chiamati a riaffermare con vigore l’eguale dignità e valore di tutti i popoli della Terra”

 

Nella ricorrenza degli 80 anni  dalla promulgazione delle leggi razziali La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese ha rilasciato la seguente  Dichiarazione   nella quale,  nel condannare quell’infamia  e nell’esprimere solidarietà e rispetto per le Comunità che ne furono vittime, chiama alla vigilanza democratica  contro le derive razziste che nel nostro Paese stanno acuendo l’antiziganismo e minacciano di rilanciare  l’altro mostro, mai sopito, dell’antisemitismo.

dichiarazione della Rete Romana di  Solidarieta’ con il Popolo Palestinese nell’ottantesimo della promulgazione delle leggi razziali

Ottant’anni dopo

Ricorre quest’anno l’ottantesimo anniversario della promulgazione dei nefasti “Provvedimenti per la difesa della razza italiana”. Un obbrobrio che preluse a quella tragica ignominia  che gli Ebrei chiamano Shoah, i Rom, i Sinti e i Caminanti Porrajmos ed alcuni altri Olocausto, ma errando perché non ci fu alcun dio a cui venissero sacrilegamente offerte quelle vite. Si trattò di un assassinio di massa, di un genocidio.

La Storia racconta di molti genocidi, quasi tutti perpetrati da Europei  nel proprio ed in altri continenti;  ma quello fu speciale. Speciale perché “scientifico” in un duplice senso: fu  organizzato e realizzato con precisione scientifica e cura  minuziosa e pretese di basarsi su di un teoria scientifica che, benché aberrante e dimostratasi assolutamente priva di fondamenti scientifici, trovò alcuni scienziati o presunti tali  che la sostennero. Fu la teoria delle “razze”, secondo la quale quella ariana sarebbe stata  superiore alle altre e  andava perciò preservata da contaminazioni  e corruzioni. Quanti potessero pregiudicarne la “purezza” dovevano quindi essere  messi in condizione di non nuocere e perciò isolati, sterilizzati o messi a morte. E così fu in quegli anni terribili.

La Shoah si distingue dagli altri genocidi anche per un altro aspetto: viene da lontano, da molto lontano. E’ lo sbocco di persecuzioni le più svariate, durate  2000 anni circa  per gli Ebrei e diversi secoli per gli “Zingari”. Persecuzioni  scaturite  dalla sedimentazione  di ignoranza, pregiudizi, interessi e fanatismi, che nel caso  degli Ebrei concorsero a configurare la cosiddetta “questione ebraica”. Per essa fu “scientificamente” apprestata  la “soluzione finale”.

Sarebbe troppo comodo, però,  e del tutto semplicistico dichiarare responsabile di queste turpitudini solo ed unicamente la follia del fascismo e del nazismo. Il razzismo,  proprio nella sua forma  quanto mai  abominevole dell’antisemitismo ed in quella dell’antiziganismo, è presente da secoli nelle culture europee. Si consideri  che il primo congresso mondiale di eugenetica è stato  organizzato dalla Università di Oxford  nel !911 e leggi razziali sono state promulgate in Inghilterra  prima che in Italia e Germania.

Oggi, in Italia, come in tutta Europa, siamo di nuovo alla prese con consistenti derive razziste che stanno acuendo l’antiziganismo e minacciano di rilanciare  l’altro mostro, mai sopito, dell’antisemitismo.

Ad ottant’anni  dai tristissimi giorni del <manifesto della razza> siamo dunque chiamati a riaffermare con vigore l’eguale dignità e valore di tutti i popoli della Terra come di tutte le svariate componenti della popolazione di ogni Paese, a dichiarare la democrazia, la libertà e l’autodeterminazione dei Popoli valori irrinunciabili, a garantire  con fermezza   il rispetto delle differenze di genere e la tutela delle minoranze linguistiche, religiose, culturali e sessuali.   In questa prospettiva, nel mentre  chiamiamo alla “vigilanza democratica” quanti si riconoscono nella Costituzione redatta dalle componenti culturali   e dalle forze politiche che sconfissero il fascismo, inviamo un saluto rispettoso e cordiale  a tutta le  minoranze  che vivono nel nostre Paese, da quella  di più antica presenza come la Comunità Ebraica che è parte costituiva ed integrante della Comunità Nazionale, a quelle zigane che sono le più neglette, a quelle  di  recente formazione come le islamiche, a quelle che  sono in via di formazione, a tutti i profughi, ai richiedenti asilo e alle persone appena giunte con gli ultimi sbarchi. Auspichiamo  una convivenza felice per tutti e tutte  e ci impegniamo a dare un contributo fattivo per il raggiungimento di questo fine

La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.