Sei qui:  / Blog / Di Maio contro Tria: più deficit per mantenere le promesse elettorali

Di Maio contro Tria: più deficit per mantenere le promesse elettorali

 

Conte d’accordo. Salvini esulta. I sindacati al governo, incontriamoci. Brambilla, vicino alla Lega, contrario a reddito e pensione di cittadinanza

Di Alessandro Cardulli

Come in un western stiamo assistendo all’assalto alla diligenza che si chiama aggiustamento del Documento di economia e Finanza e messa a punto del Bilancio dello Stato. Siamo alla stretta finale. Mancano pochi giorni alla presentazione alle Camere del Def e anche per quanto riguarda il Bilancio i tempi sono stretti, metà ottobre. I numeri ballano, a volte un valzer lento, con dichiarazioni sempre sfumate da parte dei due vicepremier, Salvini e Di Maio, che fanno di tutto per apparire compatti, uniti, con il premier Conte che ora si scopre  populista, in quanto avvocato del popolo e alza i toni per far apparire che conta qualcosa, invia un messaggio anche al ministro Tria per quanto riguarda il deficit. Già, il deficit, quell’1,6% sul quale si è impegnato il ministro dell’Economia, ora sta ballando. Così come l’asticella del 3% nel rapporto deficit-pil sembra non reggere. Una situazione sempre più confusa, tanto che Cgil, Cisl, Uil hanno chiesto un incontro al governo per discutere l’impostazione del Bilancio, di cui parliamo nel seguito dell’articolo. Ogni giorno una notizia, con valutazioni diverse che vengono da Lega e M5S. La manovra in alto mare. Con il presidente del Consiglio che si barcamena nella polemica, non sotterranea fra Di Maio e Salvini. Dopo aver incontrato a Palazzo Chigi i capigruppo M5S, D’Uva e Patuanelli, ha affermato: “Abbiamo ragionato della necessità che la riforma del reddito di cittadinanza, che sarà inserita nella manovra, abbia un impatto significativo sul piano sociale”. Non l’ha detto ma si è capito che era una risposta a Di Maio al quale preme solo che nella manovra abbia un posto di rilievo  questo “reddito” per non rimanere dietro a Salvini che si vuole aggiudicare flat tax e  smantellamento della legge Fornero sulle pensioni, non si sa bene per andare dove.

Il ministro del Lavoro. Non si sfora il 3%, come chiede la Ue. Ma non è vero

Non è un caso che proprio mentre Conte assicurava i capigruppo pentastellati, lasciando intendere che occorre rivedere i numeri, deficit in testa, dalla Cina il vicepremier Di Maio lanciava un messaggio molto chiaro, diretto in primo luogo a Tria: “Occorre attingere un po’ di deficit per far rientrare il debito l’anno dopo o tra 2 anni. È questa la nostra intenzione – ha affermato il vicepremier – tenendo i conti, senza voler fare nessuna manovra distruttiva dell’economia. Non possiamo aspettare 2 o 3 anni per mantenere le promesse”. Appunto, il reddito di cittadinanza in primo luogo. Le risorse per realizzare gli obiettivi che il M5S si era posto in campagna elettorale per il ministro non sono introvabili: “I soldi ci sono. Bisogna modulare il deficit per soddisfare i bisogni degli italiani. È un lavoro che stiamo facendo”. Il vicepremier ha tenuto ad assicurare che il tetto del deficit imposto dall’Unione europea non sarà sforato: “Ci sono 2 cose che posso assicurare fin da adesso: che non si toccano i diritti essenziali dei cittadini e che non si sfora il 3%”. Ma non è vero, i  numeri parlano chiaro. Le priorità per il ministro del Lavoro sono tre: “Flat tax, reddito di cittadinanza e superamento della legge Fornero”. E i soldi dove li troviamo? Dice Di Maio: “Li troviamo dai tagli, sì c’è tanta roba inutile da tagliare nel bilancio dello Stato, ma qualora non si dovessero trovare tutti i soldi dai tagli, noi sappiamo che nei prossimi anni potremmo tagliare tanti altri sprechi e mandare a regime tutte le risorse che servono per  queste iniziative”. Rincara la dose la sottosegretaria Castelli che attacca il ministro Tria al quale dice “vorrebbe mantenere il rapporto deficit/pil all’1,6%. Un tetto che non è sufficiente. Vorrebbe dire non fare quasi niente, a meno che non si facciano solo tagli”.

Servono 15 miliardi in più di quanto previsto  nella impostazione del Bilancio

In realtà se facciamo un po’ di conti per dare attuazione alle promesse elettorali sarebbero necessari circa quindici miliardi in più di quanto previsto dal ministro Tria, sarebbe necessario un punto di Pil in più, scompaginando i conti impostati dal ministro dell’Economia. Ma il ministro Tria ha ribadito, lo ha fatto sapere anche ai Commissari Ue, che non intende venir meno agli impegni presi e ribaditi, non sforando il 3% e  mantenendo il rapporto debito-Pil all’1,6 %  Dal canto suo Salvini sembra estraniarsi dal dibattito su deficit, Def, Bilancio. Flat tax e superamento della legge Fornero sono due punti irrinunciabili per il capo leghista. Li sente già in tasca. E esulta.

Brambilla, economista, vicino alla Lega sconfessa Salvini e le sue “litanie”

Ma c’è un fatto nuovo. In un convegno al Cnel, Alberto Brambilla, presidente del Centro sudi e ricerche itinerari previdenziali, un “tecnico” vicino alla Lega per quanto riguarda i problemi della previdenza, ha ribadito “la propria contrarietà su reddito e pensione di cittadinanza”, su cui – dice – “basta continuare la litania. Non è così che si risolvono i problemi. Peraltro – aggiunge – il reddito di cittadinanza non è una novità, è stato già sperimentato con il reddito minimo di inserimento lanciato da Livia Turco nel 1998 ed è già fallito”. Brambilla propone “incentivi per nuove assunzioni a tempo indeterminato, diretti in particolare ad under29, donne 50enni e in generale over56 che faticano ad essere reinseriti nel mondo del lavoro”. Incentivi “pari al 130% del costo lavoro per i primi 2 anni, che poi scendono di 5 punti ogni anno successivo”, per una durata di “sei anni”. Una proposta che, afferma, si concretizza in un credito d’imposta e che  è alternativa agli sgravi contributivi finora previsti. “Solo se aumentiamo l’occupazione – sottolinea – possiamo mettere in sicurezza i conti dello Stato e le pensioni”. “In Italia il 55% del totale della spesa pubblica è già indirizzato in politiche sociali, ossia in pensioni – che sono in equilibrio -, sanità e assistenza sociale. Le famiglie italiane sono in sofferenza perché manca il lavoro, i figli non lo trovano, i mariti lo perdono. Se proprio vogliamo aiutare le famiglie dobbiamo fare due cose: razionalizzare la spesa assistenziale, che ormai ha quasi raggiunto la spesa netta per pensioni, e mettere risorse per sostenere l’occupazione”, con incentivi ad hoc. Brambilla afferma che “il ministro dell’Economia Tria ha perfettamente ragione a mantenere la sua posizione, a mantenere la barra dritta sui conti pubblici. I mercati internazionali ci guardano”. Il problema, prosegue, è che “manca il lavoro. Bisogna sostenere l’occupazione con incentivi per nuove assunzioni”.

Camusso (Cgil): il grande tema del Paese si chiama investimenti

È in questa situazione confusa, con Cinque stelle e Lega che si muovono secondo i propri interessi elettorali, fanno di nuovo promesse in vista delle europee che, come abbiamo detto all’inizio dell’articolo, intervengono i sindacati. Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, rispondendo alle domande dei giornalisti, a margine di un convegno sulla Sanità che si è svolto a Salerno, afferma: “Sarebbe importante che si capisca qual è il progetto che hanno perché fino ad ora non è assolutamente chiaro come intendono far ripartire un Paese. Penso, per esempio, al tema degli investimenti e delle opere che vengono messe in sospensione invece che favorire i cantieri. È sempre più importante creare lavoro che determinare norme di assistenza”. Lo  scontro tra i ministri Tria e Di Maio – sottolinea Camusso – “è figlio evidentemente di una sommatoria di rivendicazioni che sono tra di loro contraddittorie”. Poi annuncia che insieme a Cisl e Uil è stato chiesto al governo un incontro sulla impostazione della legge di Bilancio e sottolinea che “se il centro dell’impostazione della legge di bilancio continua a essere la flat tax e la riduzione delle tasse a chi ha di più, non andiamo lontano”. Camusso, inoltre, ha evidenziato che il “grande tema del Paese si chiama investimenti che non sono soltanto infrastrutture. Investire in Welfare  è la prima necessità  che c’è per rimettere su un profilo d’uguaglianza questo Paese e generare una risposta sociale”.

Da jobsnews

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE