Sei qui:  / Blog / Vaticano, suore clausura: sì a social e media, “ma con sobrietà”

Vaticano, suore clausura: sì a social e media, “ma con sobrietà”

 

Chiede “sobrietà e discrezione” nell’uso dei social e dei mezzi d’informazione, così da “salvare il raccoglimento e il silenzio”, demandando al Capitolo conventuale il compito “di stabilire la modalità di uso di questi mezzi, chiedendo dunque alle monache maturità di giudizio e capacità di discernimento, e soprattutto amore alla propria vocazione contemplativa”.

Così il Vaticano all’interno di “Cor Orans”, l’Istruzione applicativa firmata dalla Congregazione per gli istituti di vita consacrata – resa nota questa mattina – della Costituzione apostolica “Vultum dei Quarere” dedicata alla vita contemplativa femminile.

Il richiamo della Santa Sede è di salvaguardare ciò che nella vita di clausura è ritenuto necessario: il silenzio e il distacco dal mondo. In sostanza, non si può scegliere il solo a solo con Dio, desiderarlo e viverlo, se poi la prassi quotidiana porta continuamente altrove.

Anzitutto i mezzi d’informazione, quindi, “devono essere usati con sobrietà e discrezione, non solo riguardo ai contenuti ma anche alla quantità delle informazioni e al tipo di comunicazione, affinché siano al servizio della formazione alla vita contemplativa e delle comunicazioni necessarie, e non occasione di dissipazione o di evasione della vita fraterna”. E ancora: “L’uso dei mezzi di comunicazione, per motivo di informazione, di formazione o di lavoro, può essere consentito nel monastero”, ma “con prudente discernimento, ad utilità comune”.

L’Istruzione è stata presentata da monsignor José Rodríguez Carballo, segretario della Congregazione, che ha spiegato come nel mondo “ci sono in questo momento 37.970 suore di clausura, non poche in questo contesto di crisi vocazionale”.

Ma la risposta alla crisi, secondo la Santa Sede, non deve comportare uno stravolgimento del proprio stile di vita. Le regole di sempre vanno mantenute. Non si può scegliere la clausura e nel contempo lasciare entrare nelle proprie mura continuamente il mondo (Paolo Rodari, repubblica.it).

 

Da sanfrancesco

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*