Sei qui:  / Articoli / Interni / Un 25 aprile per ricompattare chi crede davvero negli ideali democratici

Un 25 aprile per ricompattare chi crede davvero negli ideali democratici

 

Un segnale forte da dare al Paese per il 25 aprile ci sarebbe, eccome: ricompattare tutte le forze e i movimenti di sinistra insieme all’ANPI e fare ovunque, nei paesini e nelle grandi città, manifestazioni importanti, piene di persone normali che cercano la condivisione di radici comuni e di ideali che i mesi della resistenza e dalla vittoria sul nazifascismo hanno reso fondanti della nostra, purtroppo sempre più pallida, democrazia.

Mai come in questa ricorrenza del 2018 ci sarebbe bisogno di unità nel nome della resistenza e della messa al bando dalla nostra società del nazifascismo che, ovviamente, non rappresenta un rischio di ritorno a quel tipo di dittatura un secolo dopo, ma rappresenta un pericolosissimo veleno che sta corrodendo la nostra società. Il metodo dei bulli, siano essi a scuola o coperti codardamente da un nick name on line, non è forse un tipico metodo di intimidazione fascista?

E che dire di una cittadina ricca di arte e cultura come Todi . in quella Umbria fino a pochi anni fa definita “regione rossa” per antonomasia, dove il sindaco (di Forza Italia) non concede il patrocinio e anzi contesta le iniziative dell’ANPI per il 25 aprile perché lo vuole organizzare da solo come comune, almeno questa è la scusa…una giunta dove nella maggioranza ci sono rappresentanti di Casapaund, guarda che combinazione!

Anche i media devono farsi sentire con chiarezza in questi giorni, e andare a scovare – come molti colleghi fanno – le storie esemplari più che di ieri di oggi: i tanti meravigliosi insegnanti, categoria che da anni sta subendo l’attacco di studenti, genitori e spesso istituzioni, che organizzano riflessioni e anche rappresentazioni teatrali sul 25 aprile anche nelle casette di legno dove fanno lezione ad Amatrice o a Arquata del Tronto, dopo due anni dal terremoto.

Salviamo l’unico vero patrimonio che abbiamo, la nostra storia di libertà e democrazia, che molti genitori, noni e bisnonni di tutti noi hanno pagato a prezzo della vita: buon 25 aprile a tutti, di auguri ne abbiamo proprio bisogno!

Leggi:

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE