Sei qui:  / Articoli / Migrazioni / Storie di bambini sui confini d’Europa. Reading musicale, il 19 giugno al Macro

Storie di bambini sui confini d’Europa. Reading musicale, il 19 giugno al Macro

 

Lunedì sera raccontiamo storie di draghi e di Kalashnikov, storie di bambini che vivono e che muoiono davvero mentre il mondo intorno a loro si incendia o sprofonda in fondo al mare o resta impigliato in una rete di filo spinato sui confini di questa nostra, inaccessibile, Europa. Raccontiamo storie di bambini perché hanno lo sguardo aperto e un codice semplice che aiuta a guardare il mondo e a capire. Raccontiamo le storie di quei bambini che rischiano la vita e che spesso muoiono per arrivare in questo paese che ancora si chiede se è davvero italiano chi nasce qui.

Il racconto condotto da Laura Berti, è fatto di parole accompagnate dalla musica di Alaa Arsheed sopravvissuto e sfuggito al regime di Assad in Siria e rifugiato in Italia. Con il suo violino e la chitarra di Isaac de Martin, fanno da sfondo alle letture di Erri de LucaFrancesco PannofinoEdoardo LeoCaterina GuzzantiJerry MastrodomenicoAmin NourLibero de Rienzo, Ylenia Oliviero e Filippo Carrozzo. Voci importanti che hanno scelto di interpretare quelle storie semplici e terribili, spesso sospese sui confini d’Europa, raccolte da me e da Francesca Mannocchi.

Il 19 giugno al Macro, vigilia della giornata mondiale dei rifugiato, assieme alle principali organizzazioni umanitarie: Msf, Save the Children, Unicef, Unhcr, Sos Mediterranee, Cospe.

Un appuntamento organizzato dall’associazione MuMi, Museo Migrante che abbiamo fondato noi curatori della mostra “Verso il museo della fiducia e del dialogo per il Mediterraneo di Lampedusa”. Noi che vogliamo continuare il percorso che unisce l’arte alla cultura del dialogo e della solidarietà con la mostra Bambini Migranti, una mostra itinerante che partirà da Lampedusa il prossimo settembre.

Una mostra che con il linguaggio essenziale dei bambini, ci fa immedesimare e ci spinge a capire. Il progetto museale di questa mostra è di un gruppo di videoartisti che da oltre 20 anni mescola arte e tecnologia ed espone le sue opere nei più importanti musei. Si chiama Studio Azzurro.

L’appuntamento di lunedì 19 è stato preparato assieme alla Coalizione Italiana Libertà e Diritti Civili, al Garante nazionale dei detenuti, all’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai e alla Federazione nazionale della stampa che assieme alla Rai continuano a sostenere l’esperimento museale per costruire ponti culturali, partito da Lampedusa l’anno scorso.

Ci sarà Giusi Nicolini a raccontare le migliaia di bambini approdati sull’isola della accoglienza. Ci sarà Yvan Sagnet che ha dato vita al primo sciopero dei braccianti nella storia del nostro paese, con una lettera a sua figlia che sta per nascere.

Con il contributo di Acea spa, raccontiamo storie di bambini sui confini d’Europa storie di draghi, principesse e kalashnikov, storie di bambini che disegnano, che cantano, che fanno girotondo mentre il mondo intorno a loro si incendia o sprofonda in fondo al mare o resta impigliato in una rete di filo spinato sui confini di questa nostra, inaccessibile, Europa.

In diretta su repubblica.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE