Sei qui:  / News / Migranti. EveryOne Group: “E’ necessario fermare la strage nel Mediterraneo”

Migranti. EveryOne Group: “E’ necessario fermare la strage nel Mediterraneo”

 

I soccorsi di migranti in mare non sono attualmente efficaci. Girano tanti milioni e si fanno innumerevoli proclami, ma il tasso di mortalità per chi affronta il viaggio della speranza è inaccettabilmente alto. In questo 2017 quarantatremila persone sono state soccorse (non “salvate”) dall’inizio dell’anno, ma più di 1300 hanno perso la vita. Un dato tragicamente eloquente: oltre il 3% dei profughi muore durante le traversate. Una strage che non ha precedenti e che dimostra come alle attuali procedure inadeguate, che sono causa di tante perdite di vite, si debbano sostituire protocolli e programmi di soccorso gestiti dall’Unione europea, con il supporto operativo della società civile e dei servizi di sostegno ai migranti privati. Dovrebbe inoltre tornare in uso la Carta dei diritti fondamentali nell’Unione europea, i cui articoli sono stati dimenticati sia riguardo alle politiche sulle migrazioni che negli accordi finalizzati al respingimento di profughi, stipulati con paesi in cui non esiste rispetto dei diritti umani.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE