Sei qui:  / News / Gi.U.Li.A. in orgogliosa difesa di Marilù Mastrogiovanni

Gi.U.Li.A. in orgogliosa difesa di Marilù Mastrogiovanni

 

“Marilù è tutte noi, è il giornalismo come vogliamo che sia e per cui ciascuna di noi si batte ogni giorno, nella propria vita professionale e in pubblico tramite Gi.U.Li.A. Un giornalismo serio informato coraggioso. Come quello della collega Marilù Mastrogiovanni, vigliaccamente attaccata per le sue inchieste dal sindaco di Casarano, in provincia di Lecce. Che evidentemente ancora crede che l’ “onore” di una città si difenda nascondendo la sporcizia sotto il tappeto anziché difendendo il diritto dei suoi cittadini a venire correttamente informati. La collega, che fa anche parte del direttivo nazionale di Giulia, è stata infatti attaccata dal sindaco Gianni Stefano con manifesti e con post sui social perché sulla testata online Il Tacco d’Italia (http://www.iltaccoditalia.info/) aveva denunciato i retroscena malavitosi d’un assassinio ed i tentacoli della Sacra Corona Unita. Lo scrupolo e le capacità della collega Mastrogiovanni è lo stesso già riconosciutole  per altre coraggiose inchieste, come quella sulla xilella e la strage di ulivi, per cui le sono stati attribuiti premi  nazionali e rilanci dalla stampa nazionale ed estera.

L’associazione Giulia è affettuosamente solidale con Marilù Mastrogiovanni e si unisce a Fnsi ed Assostampa di Puglia nel chiedere l’immediata rimozione dei manifesti, cartacei e virtuali. Il Forum internazionale delle giornaliste, proprio da lei organizzato e che si terrà a Bari e a Lecce fra due settimane (http://giornaliste.org/) non a caso tratta di donne impegnate nelle cronache di guerra, in tutti i “luoghi caldi dei conflitti sociali, politici, religiosi, ambientali”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE