Sei qui:  / Opinioni / Soma ed Ethos

Soma ed Ethos

 

Cambia il concetto di omogeneità sociale.

Se per secoli un popolo si rappresentava per  l’aspetto somatico, il colore della pelle, l’abbigliamento dai sui membri, ora inizia a prevalere il codice valoriale. Cioè, l’identità immateriale basata sull’idea di società condivisa e sul telaio di diritti e doveri che la sostiene.
Così, l’omogeneità sociale è del tutto compatibile con la multi-etnia, a patto che tutti i cittadini condividano gli stessi valori primari posti a base della convivenza. Che nelle democrazie sono racchiusi nello scrigno inviolabile della costituzione.
Certo, questa prevalenza dell’ ethos sul soma è difficile da cogliere per chi si ferma all’esteriorità; bloccato dalla paura e dall’ignoranza, per non aver mai letto i fatti, ma solo visto le figure.  Ma  l’integrazione si realizza solo se c’è una profonda identità costituzionale negli “accoglienti” e una libera adesione a questo ethos da parte dei nuovi cittadini.
Così la Germania non ha paura di nuovi arrivi, perché si sente coesa nei propri valori civili, ai quali si sono adeguati tutti i migranti storicamente arrivati sul suo suolo, dagli italiani ai turchi, fino ai siriani di queste ultime ore. Noi, invece, crediamo a chi grida all’invasione – da Salvini della ruspa a Grillo tifoso di Orban e del suo filo spinato – solo perché non abbiamo un solido ethos condiviso, ma siamo apolidi dell’individualismo.   Fortunatamente, non tutti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE