Sei qui:  / Appuntamenti & Eventi / Articoli / “Be aware now”, un’importante iniziativa contro il traffico sessuale di esseri umani

“Be aware now”, un’importante iniziativa contro il traffico sessuale di esseri umani

 

Arti ha dieci anni. E’ una bella bambina indiana. Quando ha visto per le prima volta le sculture di Janine von Thungen e’ rimasta rapita: una intelaiatura di metallo dalle forme femminili racchiude capelli umani (sintetici). Sono tutte figure senza braccia come le donne, impotenti a difendersi di fronte alla violenza. Ami, come tutti gli altri spettatori si e’ divertita a strappare una ciocca di capelli, a infilarla in una piccola busta e a portarla con se’. Quello che Ami non sa e’ che il progetto di questa mostra punta proprio a salvare lei come migliaia di altre bambine nel mondo che come lei sono state già vendute dai genitori a un uomo adulto che le metterà incinte prima di rivenderle come prostitute.

Il traffico sessuale di esseri umani è il secondo giro di affari criminale del mondo: 20,9 milioni le vittime (di cui 5,5 milioni minori). Profitti da 150 miliardi di dollari all’anno secondo solo ai proventi del traffico d’armi. Contro questo traffico e’ nata l’associazione “Be aware now” che cerca di sensibilzzare le opinioni pubbliche di tutto il mondo attraverso interventi artistici. La mostra di Janine von Thungen, realizzata in India in collaborazione con Ruchira Gupta, attivista indiana fondatrice del movimento internazionale “Apne aap-women worldwide”, è solo uno di molti esempi. L’associazione italiana, sotto la guida della stessa artista tedesca e dell’italiana Micaela Berretti si offre ad incontri nelle scuole superiori e nelle università. La risposta finora, in Italia, è stata sorprendente. Tanto entusiasmo e anche qualche porta chiusa, a dimostrazione che c’e’ ancora molto lavoro da fare per aumentare la sensibilità su questo tipo di problemi.

Chiunque voglia contattare l’associazione può andare sul sito www.beawarenow.eu o scrivere a beaware@beawarenow.eu

NB. dopo la mostra gli organizzatori sono riusciti a strappare ai genitori di Arti l’impegno che le permetteranno di restare un altro anno a scuola, nella speranza di evitarle il destino di tante ragazze come lei avviate alla prostituzione giovanissime.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE