Sei qui:  / News / “I conti del Tesoro e la carne di vitello dopata”. Due inchieste esclusive di Report, il 26 aprile su Rai3

“I conti del Tesoro e la carne di vitello dopata”. Due inchieste esclusive di Report, il 26 aprile su Rai3

 

Una mina vagante che mette a rischio i conti del Tesoro e la carne di vitello dopata: questi i temi della prossima puntata di REPORT, il programma d’inchiesta di Milena Gabanelli, che andrà in onda su Rai3 domenica 26 Aprile, alle 21.45.

Si partirà con Fidati di MEF”, di Stefania Rimini, che affronta quella palla al piede dell’Italia rappresentata dai derivati del Tesoro. Negli ultimi anni è un crescendo di miliardi che fluiscono dalle tasche dei contribuenti a quelle delle 17 banche estere e 2 banche italiane con le quali il Tesoro ha fatto i derivati, o “swap”.  Ci sono costati soldi veri: 2 miliardi e 900 milioni nel 2011, 3 miliardi e 8 nel 2012, 2 miliardi e 9 nel 2013, 3 miliardi e 3 nel 2014. A cui si aggiungono le perdite che sono state nascoste dentro le rinegoziazioni e di cui non si sapeva nulla fino a 2 giorni fa, e che sono altri 2 miliardi e 400 milioni. “E’ tutta colpa della situazione anomala dei tassi”, si giustificano al Tesoro, ma cosa c’è dentro il portafoglio dei derivati è un segreto che vale 42 miliardi di perdita potenziale stimata al 31 dicembre.  Un segreto di cui sono a conoscenza pochi dirigenti ed ex ministri, che poi sono andati a lavorare nelle banche d’affari.

A seguire partirà una rubrica dedicata ai temi dell’Expo2015: “Nutrire il pianeta”. Iniziamo con Vitelli dopati, consumatori ingannati”, di Sabrina Giannini: senza due inchieste della magistratura di Cuneo oggi le carni dopate di migliaia di vitelli sarebbero finiti sulle tavole. E’ bastato corrompere un veterinario della Asl, e due grandi allevatori italiani di vitelli avrebbero potuto fare i loro sporchi affari sulla pelle degli ignari consumatori. Eppure tutti, dai grossisti ai macellatori, sapevano dell’utilizzo delle siringhe agli anabolizzanti. Ma per scoperchiare il sistema è  stata necessaria un’indagine degna dell’antimafia, con intercettazioni e  pedinamenti, e questo perché i controlli non avevano rilevato nessuna anomalia. I nostri ministri negli anni hanno decantato un sistema di controllo efficace che però efficace non è e ve lo dimostreremo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE