Sei qui:  / News / Elio Toaff: Massimo Aquilante (presidente FCEI), “Ha saputo trasmettere in tutta la sua vita, e soprattutto alle nuove generazioni, valori importanti, che noi condividiamo”. Eugenio Bernardini, moderatore Tavola valdese: “Toaff: testimone vivente del cammino parallelo tra le due minoranze religiose”

Elio Toaff: Massimo Aquilante (presidente FCEI), “Ha saputo trasmettere in tutta la sua vita, e soprattutto alle nuove generazioni, valori importanti, che noi condividiamo”. Eugenio Bernardini, moderatore Tavola valdese: “Toaff: testimone vivente del cammino parallelo tra le due minoranze religiose”

 
Il Consiglio della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), riunitosi oggi a Roma, ha voluto esprimere la profonda vicinanza ai famigliari e all’Unione delle comunità ebraiche in Italia(UCEI) per la scomparsa di Elio Toaff, leader religioso della comunità ebraica di Roma dal 1951 al 2001.
Per il presidente della FCEI, pastore Massimo Aquilante, “la scomparsa del rabbino Toaff è una triste perdita. Ci ha lasciati un uomo, un credente, che è stato per tutti noi, donne e uomini di fede, un esempio di apertura e di dialogo. Un testimone di impegno civile. Toaff – ha dichiarato Aquilante all’agenzia stampa NEV – ha saputo trasmettere in tutta la sua vita, e soprattutto alle nuove generazioni, valori importanti, che noi condividiamo. Nell’approssimarsi alla ricorrenza del 25 aprile – ha concluso Aquilante –, non dimentichiamo l’impegno civile per le libertà di tutti, che Toaff ha compiuto combattendo nella Resistenza sui monti della Versilia. Oggi salutiamo un testimone importante del nostro tempo, lieti di ricevere la sua grande eredità, civile e spirituale”.
Il moderatore della Tavola valdese, pastoreEugenio Bernardini, in una lettera inviata oggi al presidente dell’UCEI, avv. Renzo Gattegna, esprimendo le sentite condoglianze della Chiesa valdese, scrive: “Nei lungi anni del suo ministero Toaff è stato un riferimento spirituale, morale e civile per molti italiani che, nella sua saggezza morale e nella sua grande sapienza biblica, hanno trovato motivo di profonda ispirazione. Tra di essi i valdesi e i metodisti italiani che in varie occasioni hanno avuto l’onore e la gioia di incontrare e confrontarsi con rav Toaff, testimone vivente di quel cammino parallelo tra le due minoranze religiose che in tante occasioni hanno avuto parte importante nelle vicende culturali, religiose e civili del nostro Paese”.
In rappresentanza delle chiese protestanti, stamane davanti alla grande Sinagoga di Roma, si è recato per il saluto al rabbino Toaff, Gian Mario Gillio, responsabile comunicazioni esterne e rapporti istituzionali della FCEI.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE