Sei qui:  / Articoli / Informazione / 4 aprile 1975: Bill Gates e Paul Allen inventano la Microsoft. In Italia a 40 anni di distanza siamo ancora a discutere di una Rai digitale che è ancora per metà analogica

4 aprile 1975: Bill Gates e Paul Allen inventano la Microsoft. In Italia a 40 anni di distanza siamo ancora a discutere di una Rai digitale che è ancora per metà analogica

 

Le date, si sa, sono spesso simboliche e gli anni, di per sé, non fanno storia. Ma la forza delle ricorrenze sembra aumentare in questi anni veloci, ma superficiali, che hanno una forte esigenza di memoria. Per questo il 4 aprile di 40 anni fa non è un giorno qualsiasi, ma una data da ricordare, e da celebrare.

Quel giorno due ventenni americani ad Albuquerque, nel Nuovo Messico, costituirono una piccola società, anzi una partnership fra loro, denominata “Micro-soft company”. Erano amici dai tempi del liceo e si chiamavano, e si chiamano, Paul Allen e Bill Gates.

E’ indiscutibile che quei due ragazzi di 40 anni fa hanno cambiato la storia. Come sempre, non sappiamo come sarebbe andata senza l’incoscienza con cui proposero alla MITS – la società che aveva ideato il primo microcomputer, Altair 8800 – un software che avrebbe risolto tutti i problemi, senza avere ancora in mano una riga di codice,

Sappiamo che lo fecero, riuscirono a scrivere un buon software, lo chiamarono Basic e quando lo provarono funzionò. Secondo molti ebbero fortuna, e di questo si può essere sicuri. Ma i due erano anche molto bravi, lavoravano giorno e notte mangiando solo quelle terribili cose americane che oggi loro stessi definiscono “cibo spazzatura”, ma leggendo tutto quello che avveniva in quella terra benedetta da tutti gli dei che fu poi chiamata “sylicon valley”.

Dopo l’aprile 1975 anche la nostra vita di italiani accoccolati sulle bellissime Olivetti lettera 22 e 24 era destinata ad un cambio epocale e quando apparvero quei primi enormi floppy disk che sostituivano i raccoglitori di dati e le cartelline degli scaffali tutto cominciò ad essere più chiaro. Quando nelle redazioni, dieci anni dopo, arrivarono quei grossi PC panciuti, con quei caratteri bianchi o verdi su fondo nero il primo cambio di logica era avvenuto: Uno scriveva, un altro, su un altro tavolo, correggeva e spediva verso un terzo tavolo che portava il tutto sul anco di regia del telegiornale.

Gli occhialoni di Bill Gates ci guardavano dall’altra parte dell’Oceano insieme con gli occhialini nervosi di Steve Jobs che già lanciava la sua emozionantissima sfida “think different”. Noi balbettavamo i primi passi in redazioni piegate dallo scontro con i grafici e dalla violenta battaglia della fine del piombo in tipografia.

Eppure di quell’epico 1975 (rileggere “Idea Man” di Paul Allen e “Jobs” di Isaaksoon) l’eco più potente che arrivava e che ci lascia stupefatti ancora oggi, 40 anni dopo, era la libertà. La libertà d’azione di questi ragazzini, perché tali erano, di essere ricevuti e ascoltati dalle aziende più forti dell’epoca, la forza di questi baldanzosi bravi ragazzi americani che venivano assunti tutti, a periodi, per realizzare i loro progetti, che poi si rivelavano forti e loro in qualche modo se li riportavano via per farne quello che oggi sappiamo. Ma i dirigenti dei colossi americani con Bill Gates ci parlavano sulla panchina del campus a tu per tu, gli mettevano a disposizione un computer e una scrivania al buio, solo perché sentivano di avere davanti a loro quelli che avrebbero scritto il futuro.

Ora che sappiamo che è andata proprio così, nel festeggiare il ricordo di giorni che hanno cambiato il percorso della storia ci viene inevitabilmente da riflette sul fatto di come, allora come oggi, sarebbe del tutto impossibile per dei giovani contemporanei sfondare in paesi come il nostro e più complessivamente in Europa. Solo per presentare un curriculum e ottenere un appuntamento passano mesi.

Bill Gates, Paul Allen, Steve Jobs, Steve Wozniak erano geniali, ma ebbero la grande fortuna di essere nati al momento giusto nel posto giusto, là dove tutto poteva accadere, dove se portavi un’idea ed era buona non solo ti assumevano, ma ti davano subito un sacco di soldi per farla fruttare, era insomma il mitico sogno americano.

E noi qui, dopo 40 anni a discutere di una Rai digitale che è ancora per metà analogica, consegnata al governo dalla legge Gasparri, dalle forzature extra legem di Mario Monti e ora dal ddl di Matteo Renzi.

Ma con chi parlerebbero oggi qui quattro giovanotti vestiti strani pieni solo di idee nuove, senza slides, senza video in 3 D ma solo un po’ di formule su un tablet? Neppure con i baristi di Saxa Rubra, visto che i bar sono stati sigillati dalla magistratura…
Eppure a noi un sogno italiano di questo genere ci farebbe tanto comodo adesso!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE