Sei qui:  / Articoli / Esteri / Il 2 giugno celebrato anche a Mogadiscio

Il 2 giugno celebrato anche a Mogadiscio

 

La festa della Repubblica italiana è stata celebrata anche in tutte le sedi in cui i contingenti italiani sono impegnati in una missione di pace. La ricorrenza del 2 giugno è stata quindi ricordata anche a Mogadiscio dove 72 soldati istruttori italiani aiutano le truppe somale a prepararsi ai compiti militari e di polizia. Mentre si attende che entro la fine dell’anno sia edificata la nuova sede diplomatica dell’Italia nella zona dell’aeroporto, la più sicura di Mogadiscio, l’Ambasciatore Andrea Mazzella ha tenuto di fronte al Presidente del Parlamento Federale della Repubblica Osman Jowari, al contingente italiano ed a quello europeo dell’EUTM guidato dal Gen. Massimo Mingiardi, il suo ultimo discorso ai somali prima di rientrare a Roma in attesa di un nuovo incarico.

Nel suo discorso l’Ambasciatore Mazzella ha rievocato la vicinanza del  popolo italiano a quello somalo che ha invitato con parole accorate a rimanere unito e ad adottare, senza aspettare interventi dall’esterno, tutte le soluzioni per una effettiva partecipazione alla gestione del potere, direttamente o tramite i suoi rappresentanti, per assicurare alle generazioni più giovani, alcune delle quali non hanno conosciuto altro che guerra e violenza, le opportunità che solo l’eguaglianza, la giustizia e la democrazia possono assicurare.

A sua volta il Presidente del Parlamento Federale Osman Jowari, che parla un forbito italiano a testimonianza dell’intensità dei legami culturali fra Italia e Somalia negli scorsi decenni, ha ricordato l’origine e lo sviluppo dei rapporti fra i due popoli, dall’epoca del colonialismo agli anni della guerra civile da poco lasciati alle spalle. L’oratore ha poi citato, come esempio di amicizia, la visita dell’ex Ministro degli esteri Giulio Terzi a Mogadiscio del settembre dello scorso anno, all’indomani del radicarsi delle nuove istituzioni somale non più transitorie, ed il suo personale viaggio in Italia di appena un mese fa, ospite della Presidente della Camera Laura Boldrini ringraziando l’Italia e tutte le sue autorità per il rinnovato impegno a sostegno della Somalia.

Il presidente Jowari ha quindi salutato l’Ambasciatore Andrea Mazzella del quale ha sottolineato il coraggio e l’abilità diplomatica spesi per ricucire i rapporti fra i due popoli nonostante i momenti particolarmente difficili dei circa tre anni di durata della sua missione. Un brindisi del Presidente Jowari con l’Ambasciatore Mazzella ed i militari italiani che inneggiavano alla bandiera tricolore ed alla libertà ha concluso la cerimonia.

Alla partenza dell’Ambasciatore Mazzella seguirà l’arrivo del nuovo Ambasciatore Fabrizio Marcelli che peraltro riveste all’interno del Ministero degli esteri italiano il ruolo di Capo dell’unità per i diritti umani: una competenza che troverà certamente modo di esprimere in Somalia in tutte le sue declinazioni. L’Ambasciatore Marcelli sarà aiutato nella gestione della nuova sede italiana a Mogadiscio da uno staff di ben sessanta persone a conferma del rinnovato impegno dell’Italia per la Somalia.

http://primavera-africana.blogautore.repubblica.it/?ref=HROBA-1

Leggi:

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE