Sei qui:  / Opinioni / Lettera aperta all’Ambasciatore Russo: non accecate il web

Lettera aperta all’Ambasciatore Russo: non accecate il web

 

Ambasciatore Sergey RAZOV,  (rusembassy@libero.it)

sto per fare una cosa che presto nel suo Paese non sarà più possibile: manifestare il dissenso usando il web.
La decisione del Presidente Putin di soffocare la libertà di espressione digitale – dopo la stretta su stampa e televisioni – allarma ulteriormente tutto il mondo democratico, che ha trovato nella rete la possibilità di esprimere idee, critiche e proposte, che hanno giovato alla crescita del pianeta.
Ambasciatore Sergey RAZOV,
la fuga negli USA di Pavel Durov,  28 anni, inventore del social Vkontakte –  baluardo di libertà di espressione on line nella Federazione Russa – ci ricorda gli anni più bui della repressione dei dissidenti da parte del comunismo. Pertanto,  le chiediamo di far sapere al Presidente Putin che molti Italiani – soprattutto i cittadini attivi sulla rete che egli irride come  “criceti del computer” – sono vivamente preoccupati per la sua decisione di accecare il web. Perché non vogliamo – per l’amicizia che ci lega al Popolo Russo – che la tragica stagione della repressione dei dissidenti si inasprisca, con altri atti di persecuzione e violenza ostili  alla cultura e alla ricchezza di pensiero del suo Paese.
Con vigilanza democratica

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE