Sei qui:  / Blog / Il mio Iraq, ancora tra le bombe

Il mio Iraq, ancora tra le bombe

 

Parla Asseel Kamal, giornalista irachena in visita in Italia. Ci racconta un paese in mano a incompetenti e bande armate. Ma i curdi procedono a gonfie vele e domani…

di Kiwan Kiwan

“E ‘difficile per un occidentale comprendere lo stile di vita in Iraq , di conseguenza gli è difficile comprendere il nostro percorso politico dopo il 2003 . Il mondo occidentale guarda a costanti e variabili secondo le leggi vigenti in occidente e non secondo le leggi e lo stile di vita degli altri, seguendo l’errore commesso da Bush quando ha occupato l’Iraq.” Così ci dice Asseel Kamal, giornalista irachena che incontriamo a margine del Forum dei giornalisti del Mediterraneo promosso da Information safety and freedom a Firenze

Ci dica come funzionano le cose oggi in Iraq

La costituzione irachena affida un ruolo indiretto di vigilanza alle autorità religiose sciite e prevede l’obbligatorietà di consultare e rispettare tale autorità tenendo conto del suo parere .
La Costituzione si interseca con la formazione del popolo iracheno,costituito da varie religioni e nazionalità. Attualmente chi governa l’Iraq, un governo a guida degli sciiti filo-iraniani, non ha alcuna esperienza in politica, sa solo contrastare , resistere , fare dei loschi affari segreti, organizzare e dirigere i gruppi armati.. Queste caratteristiche coincidono con le auto bombe e gli omicidi per liquidare fisicamente l’avversario .
Non esiste un sano processo democratico, vi è una imitazione della pratica democratica seguita da alcuni paesi, l’Iraq non ha una tradizione elettorale democratica , è una nazione ancora giovane e non conosce l’esercizio delle elezioni per la gestione dei conflitti piuttosto che gli scontri armati.

Che tipo di rapporto esiste tra sciiti e sunniti?

L’ingiustizia storica subìta dagli sciiti nel sud dell’Iraq e i curdi nel nord ha avuto un grande impattato sull’evolvere della vita politica .. L’ Iran ha avuto il sopravvento proprio in virtù di questa evidenza storica, ha incrementato la sua influenza politica , aprendo degli uffici , società , banche e una rete di servizi segreti .. Mentre gli iracheni sono entrati in un conflitto che segnerà il futuro delle giovani generazioni.. Gli sciiti hanno imposto i loro riti religiosi in 9 Province , mentre l’ 80% degli uomini sunniti si trova senza lavoro , spinti nelle braccia dei gruppi armati organizzando la disobbedienza contro un governo che ha commesso tanti errori.

E i curdi?

L ingiustizia contro i curdi nel nord dell’Iraq ha prodotto invece un esito positivo. Hanno costituito una regione curda semi-autonoma con dei finanziamenti enormi per realizzarla e urbanizzarla, al contrario di altre. Tutto questo ha permesso loro di svolgere un ruolo di primo piano nella vita dell’ Iraq e del loro futuro politico.

Come sono i rapporti tra sciiti e curdi?

Sciiti e curdi assieme sono riusciti a stilare una costituzione a loro favorevole , come religione e come politica . Secondo la costituzione, i sunniti sono ridotti a coloro che seguono .. Pertanto hanno annunciato disobbedienza, organizzando manifestazioni nelle loro 5 province .Con queste manifestazioni non riescono a far cadere il regime o cambiare il sistema in quanto gli aspetti importanti , la Costituzione, il denaro e la sicurezza sono in mano al governo .. I curdi sono una etnia sunnita , hanno voltato recentemente le spalle ai sunniti arabi in cambio dell”approvazione da parte del governo per i loro sette punti importanti , tipo la gestione della ricchezza del petrolio , il pagamento delle quote delle compagnie petrolifere e un accordo sulle città contese.. Così, le manifestazioni e sit-in dei sunniti arabi hanno perso la loro efficacia. Di recente i sunniti arabi hanno chiesto il sostegno dell’ONU per negoziare delle garanzie.

Quale conseguenze può avere la crisi siriana sull’Iraq ?

Il futuro del governo in Iraq è legato strettamente al futuro del potere in Siria … Gli sciiti avranno sempre la leadership dell’Iraq sostenuti dall’ Iran, ma dovranno affrontare un futuro ignoto con la caduta del regime siriano.

Che spazio hanno le forze laiche oggi in Iraq ?

L’integralismo religioso ha cominciato a perdere lentamente la sua influenza a scapito delle correnti laiche, tornate a farsi sentire come partiti e associazioni varie … Io credo che l’estremismo religioso stia attraversando una fase critica, può perdere la sua influenza e il suo fascino entro pochi anni .La popolazione passerà dall’appartenenza religiosa e settaria all’appartenenza nazionale.

Da Ilmondodianibale.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE