Sei qui:  / Articoli / Informazione / Grillo: Siddi (Fnsi), “I giornalisti non si fanno zittire da nessuno”

Grillo: Siddi (Fnsi), “I giornalisti non si fanno zittire da nessuno”

 

“Ci eravamo ripromessi di non replicare più a Grillo così ripetitivo nella sua assenza di considerazione per un un giornalismo libero, ma le nuove uscite non possono restare  senza risposta. Dovremmo ricordargli le lezioni della storia. Altri prima di lui insultarono i giornalisti per poi  spingere qualcuno a bastonarli fino a provocarne la morte. Sicuramente la democrazia ha risorse tali da evitare che ciò accada e Grillo ovviamente non è Mussolini ma la storia va ricordata perché quando personaggi pubblici come Grillo arrivano ad usare parole con una violenza così sfacciata possono succedere anche le cose che uno non si aspetta. Peraltro Grillo si sta ponendo su un pericoloso crinale molto simile a quello che ha avuto Berlusconi per anni nei confronti dei giornalisti”. Così Franco Siddi, segretario della Federazione Nazionale della Stampa interviene sul sito di Articolo21 in relazione ai nuovi attacchi di Grillo al mondo dell’informazione.

“Piaccia o no a Grillo ma i giornalisti non si fanno mettere in silenzio da nessuno – salvo i cortigiani che lui forse vorrebbe al suo fianco – né sono disposti a prendere per oro colato, come verbo assoluto, le sue parole o quelle di qualcun altro. C’è poi una bella contraddizione tra il dire e il fare. Per mesi Grillo ha detto di fregarsene della stampa e adesso arriva a denigrare perfino coloro che fino a ieri esaltava. Penso allora che con queste credenziali il parlamento dovrebbe pensarci bene prima di affidare funzioni di controllo e garanzia come quella sulla vigilanza Rai. Forse serve prima qualche verifica. Alla Costituzione non si giura per caso o per maniera. Ma questo Grillo lo sa e forse parla solo da “irresponsabile” visto che non è investito di mandato parlamentare; e proprio per questo cerca di incrinare la genuinità e la libertà di mandato che la Costituzione garantisce a tutti gli eletti”.
“In questo contesto – conclude Siddi – tutti i giornalisti mantengano salda la loro autonomia professionale continuando a trattare con spirito critico e lealtà sia Grillo che i suoi onorevoli”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE