Sei qui:  / Blog / Fare il giornalista in terra di camorra

Fare il giornalista in terra di camorra

 

http://www.liberainformazione.org/2013/04/12/fare-il-giornalista-in-terra-di-camorra/

«Partiamo da qui: cos’è oggi la camorra, chi sono i camorristi?». Così il cronista Arnaldo Capezzuto all’incontro che si è tenuto ieri a La Sapienza di Roma con gli studenti di Sociologia e Scienze politiche (organizzato da Link e Libera). Il giornalista, che da anni racconta di camorra, politica e malaffare in Campania, non “vende” certezze sul mestiere e neppure sulla situazione in cui versano Napoli e la Campania, solo alcune settimane fa “ferite” dal rogo della Città della Scienza.  Al contrario,  cerca insieme ai ragazzi nuove domande, interrogativi ulteriori. E lo fa a partire dalla quotidianità del suo lavoro, dai limiti e dalle potenzialità del racconto giornalistico.

Capezzuto è un cronista, senza bisogno di aggettivi qualificativi accanto. Senza fronzoli e senza eroismi facili. Rifugge dalle etichette e dalle semplificazioni della realtà che – molto spesso – ammette, “nemmeno io sono certo di aver capito”.Quando racconta la sua Napoli, però, che sia ad un dibattito con i ragazzi o sulle colonne del quotidiano IFatto.it  o ancora del settimanale da lui diretto “La Domenica”, ci mette testa e cuore. «Eh si, io credo – racconta Capezzuto – di non riuscire  a fare il mestiere in maniera distaccata, si può essere buoni giornalisti anche partecipando al racconto. Il mito del distacco neutrale dai fatti non mi convince, non riesco a capire come si possa fare».

Non si può rimanere “distanti”ad esempio quando racconti della morte di una ragazza nel quartiere Forcella a Napoli. Si chiamava Annalisa Durante e venne uccisa da un proiettile vagante durante uno scontro fra clan.   “Quando accadde con il giornale in cui lavoravo all’epoca, “Napolipiù” decidemmo di dedicare al processo che si svolse poco dopo, una pagina ogni giorno. E di entrare, per la prima volta, nella quotidianità del quartiere, in cui fra l’altro c’era la sede della redazione». Da sociologo e da giornalista Capezzuto usa un termine tecnico per spiegare cosa fecero in quegli anni per entrare dentro la pancia di Forcella : “Socializzare la camorra”. Ovvero, non avere paura di sporcarsi le mani, di avvicinarsi ai fatti, trovare la giusta vicinanza per raccontare grazie a fonti dirette – come fecero in quegli anni –   riunioni, strategie, quotidianità dei clan, svelarne crudeltà e affari. Ritorsioni: come quelle contro i testimoni dell’omicidio di Annalisa Durante. Cronache che costarono a Capezzuto minacce di morte e una scorta “discreta”, come la definisce lui. Quello raccontato dal giornalista campano, oggi direttore de “La Domenica”, animatore de I Siciliani Giovani e editorialista di Libera Informazione è un giornalismo che potremmo definire  “piedi e testa”: si vive dentro la città che si racconta, si corre da un angolo all’altro per sapere, conoscere e cercare di capire. Per raccontare ai lettori la mattina dopo sulle colonne del quotidiano cosa è accaduto a pochi metri da casa loro o dall’altra parte del quartiere. Un giornalismo, Capezzuto lo chiarisce subito, stretto fra il precariato dilagante da un lato e l’avanzare delle nuove tecnologie, con luci e ombre, dall’altro.

Essere lì dove accadono i fatti per raccontarli

Da Libera Informazione

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE