Sei qui:  / Articoli / Esteri / Pussy Riot alla sbarra a Mosca. Venerdì la sentenza

Pussy Riot alla sbarra a Mosca. Venerdì la sentenza

 

Niente rende più l’idea di come sia interessante, varia e spaccata in due la società russa come le due band musicali che stanno facendo rumore in tutto il mondo.
Da un lato le Serebro (Argento) che in auto si dimenano, mostrano le mutandine e alla fine si divertono invocando il partner (virtuale, ma amore di mamma) di non fermarsi:
Per Elena Temnikova, Olga Seryabkina e Anastasia Karpova (classe 1984-1985) il successo è all’insegna del disimpegno pop (ma con appeal digitale e sessuale). vDRnkTSdbRE (Il video delle Serebro)
La notorietà è arrivata grazie al web anche per altre tre ragazze russe Maria Alyokhina, Nadezhda Tolokonnikova ed Ekaterina Samutsevitch (dai 22 ai 29 anni).
Sono tre delle Pussy Riot alla sbarra a Mosca dopo un concertino punk in stile flash mob nella Cattedrale di Cristo Salvatore:
VtYw-d1CSxQ (Il video delle Pussy Riot)

Per aver pregato la Vergine Maria di liberare la Russia da Putin rischiano 3 anni di carcere (hanno già fatto parecchi mesi di carcerazione preventiva).
La sentenza è prevista per venerdì.
Due gruppi, due destini opposti.
La Russia ha d’altronde come simbolo l’aquila bicipite.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE