Sei qui:  / Bavagli / Diffamazione / Informazione / Media / Minacce e Vittime / TRENTINO ALTO ADIGE / Programmi di protezione per i giornalisti, docenti, attivisti minacciati nel mondo: “Il Trentino per i diritti umani”

Programmi di protezione per i giornalisti, docenti, attivisti minacciati nel mondo: “Il Trentino per i diritti umani”

 

Il Trentino per i diritti umani: 19-20-21 Novembre 2020. Programmi di protezione per giornalisti, docenti ed attiviste/i minacciati nel mondo: una tre giorni che mette al centro la libertà di informazione, di ricerca, di costruzione dei diritti collettivi. Per fare di Trento una città “In Difesa Di”. Le crisi che stanno attraversando il nostro tempo – sanitarie, sociali, economiche – non possono farci dimenticare la necessità di mettere al centro del nostro agire politico la difesa dei diritti umani ed ambientali e di chi li difende. Ecco perché risulta particolarmente importante il webinar che il Nodo Trentino della rete In Difesa Di .. organizza il 20 e il 21 novembre prossimi “Il Trentino per i diritti umani – Protezione e reciprocità per difendere chi difende i diritti di tutte e di tutti”, che sarà anticipato dal corso per giornalisti, realizzato in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Trentino Alto Adige, “Giornalisti minacciati e reporter dalle zone di guerra”, il 19 novembre dalle 16.00 alle 18.00, insieme al giornalista Christian Elia condirettore di QCodeMag, Paola Rosà di Osservatorio Balcani e Caucaso e la partecipazione di Khalifa Abo Khraisse, giornalista, regista e sceneggiatore libico, collaboratore di Internazionale, BBC, al-Jazeera e CNN. Una tre giorni che vuole sì concretizzare l’impegno della città di Trento nella solidarietà, ma vuole anche dare un contributo alla difficile lettura della situazione geopolitica globale, e alla trasformazione che la cooperazione internazionale può e deve assumere, nell’epoca della pandemia. Un momento fondamentale dell’incontro sarà l’omaggio al giovane Mario Paciolla, funzionario Onu trovato senza vita in Colombia, e su cui la campagna “Verità per Mario” pretende indagini e notizie veritiere. “Il Trentino per i diritti umani” è il terzo appuntamento internazionale che il Nodo Trentino della rete In Difesa Di – composto da Forum Trentino per la Pace e i diritti umani, associazione Yaku, PBI Italia, Amnesty International, il Centro per la Cooperazione Internazionale, Osservatorio Balcani e Caucaso, l’Università di Trento con Scholar At Risk – coordina sul territorio, insieme ad una fitta rete di organizzazioni, nazionali ed internazionali, università ed enti locali, per la costruzione del primo programma per la difesa delle e dei difensori dei diritti umani ed ambientali, da realizzare in Italia.

 

Trento prima “Città In Difesa Di” è l’importante visione che anche la nuova amministrazione municipale del sindaco Franco Ianeselli ha deciso di abbracciare e fare propria, raccogliendo il testimone dalla Giunta Andreatta che con la Mozione 658 aveva sdoganato l’impegno del Comune di Trento in favore delle e dei difensori dei diritti umani ed ambientali. L’iniziativa si inserisce nel quadro del progetto “Città in Difesa Di” finanziato dall’Ufficio 8 per 1000 della Tavola Valdese, promosso dalla Ong Terra Nuova, insieme all’associazione Yaku, Un Ponte per e l’Università per i diritti umani Antonio Papisca di Padova, appartenenti alla Rete In Difesa Di – per i diritti umani e di chi li difende.

COME PARTECIPARE Giovedì 19 novembre 2020 Il seminario si svolgerà online su piattaforma ZOOM

https://sigef-odg.lansystems.it/Sigefodg/

 

Venerdì 20 e Sabato 21 novembre 2020. Il seminario si svolgerà online su piattaforma ZOOM

L’intervento sarà dedicato alla presentazione del programma Journalists-in-Residence Milano (JiR Milan), primo esperimento di residenza protetta temporanea per giornalisti in Italia, curato da Q Code Mag in collaborazione con European Centre for Press e Media Freedom e Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa. Racconteremo della realizzazione di reportage in zona di guerra, della relazione tra inviato e fixer locale e della gestione – in sicurezza – delle fonti in conflitto.

Christian Elia, fondatore e direttore di Q Code Mag. Si occupa di Medio Oriente e Balcani, ha realizzato reportage in quaranta paesi, che ha pubblicato in oltre venti testate, tra le quali la Repubblica, il Corriere della Sera, il Venerdì, D – la Repubblica delle Donne, Left, il manifesto, Domani, l’Espresso, MicroMega, Radio24, Radio Svizzera Italiana e Internazionale.

Khalifa Abo Khraisse, giornalista, regista e sceneggiatore libico. In Italia i suoi lavori sono stati pubblicati su Internazionale, come producer e fixer, in Libia, ha lavorato per BBC, al-Jazeera e CNN.

Paola Rosà, giornalista e referente dell’Osservatorio Balcani Caucaso

Modera l’incontro Francesca Caprini, giornalista

Programmi per la protezione delle e dei difensori minacciate/i in Trentino e in Italia

Saluti istituzionali
Chiara Maule, Assessora con delega in materia di politiche sociali, familiari ed abitative

L’impegno del Centro per la Cooperazione Internazionale per la difesa dei diritti umani”.
Chiara Sighele, direttrice del Centro per la Cooperazione Internazionale

Introduzione al webinar “Il Trentino per i Diritti umani”
Francesca Caprini, Associazione Yaku

17.30/18.30

“La difesa delle/dei docenti universitare/i minacciate/i e il programma di Scholar at risk”. Testimonianze dirette e introduzione al programma per la difesa delle difensore e dei difensori dei diritti umani nelle università. con: Prof.ssa Ester Gallo, Delegata alla Solidarietà Accademica ed Internazionale dell’Università di Trento e Co-coordinatrice di SAR Italia. Dr. Ghanya Al Naqeb (Yemen), Assegnista di Ricerca in Nutritional Sciences at the Centro Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (C3A) University of Trento. Testimonianza proveniente da: Scholar from Central Africa.

“Giornalisti minacciati e programmi di protezione”. Introduzione al progetto Journalists-in-Residence Milano (JiR Milan), il primo esperimento italiano di residenza protetta temporanea per giornalisti minacciati. Intervengono: Christian Elia, giornalista professionista, fondatore e direttore di Q Code Mag. Si occupa di Medio Oriente e Balcani, ha realizzato reportage in quaranta paesi, che ha pubblicato in oltre venti testate, tra le quali la Repubblica, il Corriere della Sera, il Venerdì, D – la Repubblica delle Donne, Left, il manifesto, Domani, l’Espresso, MicroMega, Radio24, Radio Svizzera Italiana e Internazionale. Khalifa Abo Khraisse, giornalista, regista e sceneggiatore libico. In Italia i suoi lavori sono stati pubblicati su Internazionale, come producer e fixer, in Libia, ha lavorato per BBC, al-Jazeera e CNN. Paola Rosà, coordinatrice Media Freedom Resource Centre di OBCT/CCI (Osservatorio Balcani Caucaso

Transeuropa / Centro per la Cooperazione Internazionale. 19.30/20.00

 

il programma completo è pubblicato sul sito www.yaku.eu 

e su facebook prosegue su https://www.facebook.com/yakufran/

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.