Sei qui:  / Articoli / Culture / Venezia 2020. Concorso Orizzonti . “Terra desolata”, conturbante apologo sul sacrificio degli operai di fatica

Venezia 2020. Concorso Orizzonti . “Terra desolata”, conturbante apologo sul sacrificio degli operai di fatica

 

Ahmad  Baharami, il regista iraniano di Dashte Khamoush (Terra desolata) racconta l’ispirazione che ha alimentato il suo film in concorso Orizzonti: “Mio padre ha lavorato in fabbrica ed è andato in pensione dopo trent’anni di fatiche. Vado fiero di lui e, da quando ho imparato a girare film, ho sempre voluto realizzarne uno su di lui e sul suo onorevole impegno. Il mio film Dashte Khamoush è un omaggio a mio padre e a tutti coloro che, in ogni parte del mondo, lavorano duramente. Quei lavoratori senza i quali la civiltà degli uomini non avrebbe raggiunto l’attuale livello di progresso”.

In “Terra desolata” vi è un mattonificio in una località sperduta. Vi lavorano famiglie di etnie varie e il loro capo sembra essere in grado di risolvere i loro problemi, puntualmente posticipandoli. Lotfollah, un quarantenne nato nella fabbrica, è il sorvegliante e funge da tramite tra operai e padrone. Quest’ultimo ha chiesto a Lotfollah di riunire gli operai davanti al suo ufficio perché vuole annunciare loro che la fabbrica chiuderà. E adesso a Lotfollah l’unica cosa che importa è proteggere Sarvar, la donna che ama.

Potente come il respiro delle grandi tragedie, crepuscolare, il secondo film dell’iraniano Ahmad Bahrami The Wasteland è un viaggio in una terra desolata, dove in una cava soffocante uomini, donne e bambini fabbricano mattoni, per un proprietario che vive in città e li paga quando può. L’uomo di fiducia del padrone è Lotfollah, nato e vissuto nella fornace, ha quarant’anni ma ne dimostra molti di più. Lì sono tanti i lavoratori che non hanno carta d’identità, né conoscono la loro età anagrafica: uno di loro confessa di aver superato i sessanta anni benché sul documento ci sia scritto 50.

La vita di Lotfollah è trascorsa in quella terra arsa dal sole e dalla fornace. Lui si è occupato di sedare le rivendicazioni dei curdi, ha cercato soluzione a un matrimonio, ha fatto da mediatore e paciere, accompagnato settimanalmente la donna di cui è innamorato in un viaggio misterioso. Gli operai si sono sempre mossi in claustrofobiche caverne, schiacciati dalla fatica, accettando uno sfruttamento totale perché non immaginano altro. Fino al giorno in cui tutto si svuota e la fabbrica chiude. Il finale lascia senza fiato, messaggio universale fa pensare alle ostie – il corpo e il sangue di Cristo diventato nutrimento – in cui si trasformano milioni di uomini  che hanno la funzione di produrre totalmente a vantaggio di altri uomini.

Regia di Ahmad Bahrami. Con Ali BagheriFarrokh NematiMajid FarhangMahdieh Nassaj. Titolo originale: Dashte Khamoush. Titolo internazionale: The Wasteland. Genere Drammatico – Iran2020, durata 102 minuti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.