Sei qui:  / Articoli / Culture / Addio Signora Franca | Delitto (im)perfetto a Milano. Note su ‘Il vedovo’ di Dino Risi

Addio Signora Franca | Delitto (im)perfetto a Milano. Note su ‘Il vedovo’ di Dino Risi

 

A un primo sguardo  Il Vedovo pare una delle molte sulfuree commedie degli anni ’50 e ’60, ma, osservando minutamente, si scopre una gradazione di nero più intensa del solito – in senso metaforico, ma anche letterale: nella seconda parte, le scene si sviluppano entro contrasti luce/ombra sempre più accentuati, fino al goffo “delitto perfetto” avviluppato per qualche secondo in un angosciante buio totale -, una dissezione sarcastica che non lascia speranze, né margini di complicità con i personaggi.

Si assapora l’amara, raffinata rappresentazione di una borghesia produttiva lombarda, acidula e compiaciuta, che veleggia fra Milano, la Svizzera e le villule brianzole contigue alla Maria Giuseppina e Maria Antonietta di memoria gaddiana  (di quel color linfatico che eccita vieppiù il sadismo degli elementi) – con annesso pollaio di proprietà Bertoloni -, dove prendono forma i primi tic linguistici di classe e si dispiega la logorrea gergale di tante Signorine (e Signori) snob in apprensiva attesa di una telefonata della cara mamussi dal soggiorno ginevrino o parigino.

Risi e Franca Valeri sono geniali nel ritrarre la possidente meneghina Elvira Almiragli, utilizzando con grande misura i toni di un “grottesco” salottiero e impietoso.

Non si può non avvertire una trafittura di sottile inquietudine contando i passetti rigidi con cui Elvira si porta alle spalle del marito per esclamare con occluso, calcolato disprezzo Cosa fai Cretinetti, parli da solo?, mandandone così in pezzi il soliloquio di spiraliforme megalomania.

Tuttavia, è pressoché impossibile provare simpatia per il Sig. Nardi di Alberto Sordi. Prodigo di angherie nei confronti del gentile Marchese Stucchi, così inetto da cadere vittima del suo stesso piano omicida, presuntuoso, dilapidatore, parassita, egotista, ipertrofico narciso pronto però, all’occorrenza, a secernere viscidume servile (come davanti all’industriale Fenoglio), smodato e molesto ciancicatore di meloni altrui, il Sig. Alberto Nardi, nei momenti in cui si afferra al tormentone/alibi m’hanno rovinato gl’inglesi, sempre a aprì’ e chiude’ ‘r canale de Suez, delinea i contorni di un “carattere” nazionale che, attraverso progressive mostrificazioni, è arrivato fino al nostro vano ed effettistico presente, incarnandosi sia nei molti finanzieri senza capitale che in certi “uomini della provvidenza” vaticinanti e seriamente ammalati di paranoie complottiste, nonché animati da velleità canterine.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.