Sei qui:  / Articoli / Interni / Inaugurata a Roma la “panchina della memoria”

Inaugurata a Roma la “panchina della memoria”

 
Si è conclusa con un momento dedicato alla memoria dei giornalisti e tipografi ebrei morti nei campi di concentramento nazisti  la tre giorni di incontri “Parole non Pietre”, promossa da Fnsi, Articolo21, Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti e tante altre realtà della società civile e del mondo dell’informazione per promuovere una comunicazione responsabile come contrasto alle parole di odio e di ogni forma di discriminazione, prima fra tutte l’antisemitismo.
In una breve cerimonia è stata inaugurata la “panchina della memoria” dedicata al giornalista Eduardo Ricchetti e ai tipografi Amedeo Fatucci, Leo Funaro e Pellegrino Vivanti, catturati nel rastrellamento nazista nel ghetto di Roma il 16 ottobre 1943 e mai più tornati.
Insieme al presidente Fnsi Giuseppe Giulietti, che ha introdotto l’evento, sono intervenuti Ruben Della Rocca, presidente della Comunità ebraica di Roma, Mario Venezia, presidente della Fondazione Museo della Shoah, Virginia Raggi, Sindaca di Roma, David Sassoli, presidente del Parlamento europeo.
Presenti anche Cinzia Guido, assessore alla cultura del I Municipio, la portavoce nazionale di Articolo21 Elisa Marincola, Roberto Natale, coordinatore del Comitato scientifico di Articolo21, Stefano Corradino, direttore di Articolo21, Luca Perrino, presidente dell’associazione Leali delle Notizie e promotore delle “panchine della memoria”, oltre a una delegazione di presidenti di Ordini regionali dei giornalisti, delle Associazioni stampa regionali e dei circoli regionali di Articolo21.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.