Sei qui:  / Culture / Teatro / Sala Umberto. “Mozart, musica da camera per virtuosi”, un concerto magnifico

Sala Umberto. “Mozart, musica da camera per virtuosi”, un concerto magnifico

 

Alle matinées di classica al teatro Sala Umberto, il direttore artistico Lorenzo Porta del Lungo ha introdotto la performance del secondo appuntamento“Mozart, musica da camera per virtuosi”, dando vita e risvolti psicologici alla creazione mozartiana, sottolineando come i due pezzi scelti, nell’occasione, fossero fondamentali nella storia della musica.

Il programma comprendeva nella prima parte il Quartetto per pianoforte in Sol min. n° 1, K 478 con pianoforte, violino, viola e violoncello; nella seconda il Quintetto in La maggiore per clarinetto, K 581 con clarinetto, due violini, viola e violoncello. Quartetto e quintetto sono l’uno del 1785, l’altro del 1789, periodo chiaramente influenzato dai moti che han dato vita alla rivoluzione francese. Nella splendida fluidità musicale, che i musicisti hanno espresso, anche visivamente col ritmo che ha percorso i corpi, sembrano alternarsi echi contrastanti e drammatici a quelli più disimpegnati, teneri passi cantabili ad altri soffusi di malinconico dolore. Alla fine i battimani sono stati una scrosciante cascata, placata solo con il bis.

“Mozart, musica da camera per virtuosi” è stato eseguito magnificamente dall’’Alauda quartet, accompagnato dal pianista Marco Barbaresi e dal clarinettista Franco Cappelletti.  L’Alauda Quartet, ensemble internazionale, si è formato alla Royal Academy of Music di Londra nel 2011. Nel 2016 ha inciso il suo primo disco per l’etichetta Brilliant Classics, una “World Premier Recording” delle musiche per quartetto d’archi dell’autore italiano Roffredo Caetani. Il pianista Marco Barbaresi, diplomato nel 2014 al Conservatorio “Ottorino Respighi” di Latina, ha vinto il VII° Concorso Internazionale Giovani  Musicisti “Luigi  Denza”, il Concorso per Giovani  Talenti “Mirabello in  Musica” nella VI° edizione Nazionale. Il Maestro Franco Cappelletti è un virtuoso del clarinetto  da lunghissimo tempo.

Gli appuntamenti di Domenica Classica riprendono domenica 23 febbraio con il concerto dal titolo “Amami di nuovo!”musiche di Felix Mendelssohn e Johannes Brahms. Domenica 15 marzo, il baritono Furio Zanasi e il mastro Lorenzo Porte del Lungo al pianoforte eseguiranno musiche i Lieder di Robert Schumann nel concerto “L’Amore del canto del poeta”. Infine, il recital “Ravel volta la pagina della storia” di domenica 5 aprile, chiude la stagione di Domenica Classica. In questo ultimo concerto, il maestro Lorenzo Porta del Lungo eseguirà non solo la suite di sei pezzi per pianoforte Tombeau de Couperin, ma anche musiche di Couperin, Bach e Haydn.

  

L’Associazione Suono e Immagine Onlus è lieta di presentare

DOMENICA CLASSICA 2019-2020 

con la direzione artistica del Mo.Lorenzo Porta del Lungo

SALA UMBERTO via della Mercede n.50

MOZART: musica da camera per virtuosi

 

PROGRAMMA

1parte

Quartetto con pianoforte in Sol min. n°1, K 478

I.Allegro  II.Andante  III.Rondò

pianoforteviolinoviolavioloncello

2parte

Quintetto in la maggiore per clarinetto, K 581

I.Allegro  II.Larghetto  III.Minuetto e trio  IV.Allegretto con variazioni

clarinetto, 2 violiniviolavioloncello

 

ALAUDA QUARTET: Cristina Prats Costa, violino  Milan Berginc, violino

 Ricardo Fuentes Contreras, viola   Elena Cappelletti, violoncello

con

Marco Barbaresi, pianoforte e Franco Cappelletti, clarinetto

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE