Sei qui:  / Articoli / Informazione / Inpgi, il 18 dicembre la Fnsi in piazza. Lorusso: «La politica si faccia carico di mettere in sicurezza l’Istituto»

Inpgi, il 18 dicembre la Fnsi in piazza. Lorusso: «La politica si faccia carico di mettere in sicurezza l’Istituto»

 

Intervenendo a Bari al congresso dell’Assostampa, il segretario generale annuncia la mobilitazione: «Intendiamo portare all’attenzione dell’opinione pubblica e del mondo politico che sta discutendo la legge di Stabilità la necessità di dare un segnale forte a un settore vitale per il Paese». E anticipa: «Non sottoscriveremo alcun accordo con alcuna azienda che non preveda, a fronte dell’uscita di giornalisti, l’entrata di altri giornalisti».

La Federazione nazionale della Stampa italiana promuoverà una iniziativa pubblica il 18 dicembre a Roma per sottolineare la necessità di mettere in sicurezza l’Inpgi. Lo ha annunciato a Bari il segretario generale Raffaele Lorusso, a margine della prima giornata dell’ottavo congresso dell’Assostampa Puglia, dal titolo ‘Diritto di cronaca, Diritto al lavoro’. «Il Consiglio nazionale della Fnsi convocato per il 18 dicembre – ha spiegato –, comincerà i suoi lavori in piazza, perché intendiamo portare all’attenzione dell’opinione pubblica e del mondo politico che sta discutendo la legge di Stabilità, la necessità di dare un segnale a un settore vitale per il Paese, attraverso la messa in sicurezza del suo istituto di previdenza. Alla mobilitazione possono intervenire ovviamente tutti i giornalisti italiani».

Per Lorusso «non è accettabile che la politica non si faccia carico della necessità di mettere in sicurezza l’Inpi, perché salvaguardare l’istituto significa salvaguardare l’autonomia di una professione. Va precisato – ha proseguito – che la situazione di disavanzo attuale dell’Inpgi non è frutto di cattiva gestione o di gestioni allegre, ma è il risultato di un decennio abbondante di stati di crisi ripetuti da parte delle aziende, che hanno comportato l’uscita dal mondo del lavoro di numerosi colleghi che non sono stati rimpiazzati».

Il segretario Fnsi ha anche anticipato che «noi non sottoscriveremo alcun accordo con alcuna azienda che non preveda, a fronte dell’uscita di giornalisti, l’entrata di altri giornalisti. Siano essi giovani o siano essi precari, che giovani purtroppo non lo sono più, da regolarizzare e stabilizzare. Noi non sottoscriveremo alcun accordo che preveda pensionamenti anticipati dove non ci sia l’esplicito riferimento all’ingresso di giornalisti».

Evidentemente, ha aggiunto Lorusso, «nella maggioranza di governo c’è la volontà, che noi assolutamente non condividiamo, di far sì che il lavoro giornalistico possa essere indebolito sempre di più, tentando di dare la possibilità agli editori di mettere fuori dei giornalisti e di assumere figure esperte non si sa bene di cosa. Questo non è accettabile. È singolare che si vogliano affrontare le difficoltà del settore ricorrendo a una misura, quella dei pensionamenti anticipati, che è stata largamente utilizzata nell’ultimo decennio, ma non ha prodotto i frutti sperati».

Infine, rispetto alla legge vigente, che prevede a fronte di tre uscite una entrata obbligatoria, «il governo – ha rilevato il segretario generale – ha in qualche modo cercato di accogliere quelle che erano le nostre istanze. Va dato atto al sottosegretario all’Editoria, Andrea Martella, di aver ascoltato più volte le nostre richieste e di aver abbassato questo rapporto facendo corrispondere a due uscite una entrata».

A Bari, con i vertici della Fnsi, anche la presidente dell’Inpgi, Marina Macelloni, e il presidente della Casagit, Daniele Cerrato. «L’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani chiede di poter allargare dal 2021 la platea degli iscritti anche ai lavoratori della comunicazione», ha evidenziato Macelloni.

«La situazione dell’Inpgi – ha spiegato – è fortemente critica, con il rischio di avere un commissario. Noi stiamo chiedendo da molto tempo che ci sia consentito di allargare la platea degli iscritti facendo arrivare all’istituto figure non giornalistiche ma vicine, come i comunicatori o i lavoratori della rete. Questo non è ancora avvenuto, ma nello stesso tempo il governo ha stanziato nuove risorse per i prepensionamenti».

Per Macelloni, «si tratta di risorse importanti che comporteranno una nuova perdita di iscritti per l’istituto. E l’istituto in questo momento non può sostenere questa nuova perdita di contribuenti senza avere un allargamento della platea. Quindi – ha concluso – noi insistiamo a chiedere questa possibilità, la legge dice che possiamo avere questa possibilità dal 2023, chiediamo che sia anticipata al 2021».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.