Sei qui:  / Opinioni / Un 12 dicembre che viene da lontano

Un 12 dicembre che viene da lontano

 

Il mio ricordo del 12 Dicembre del 1969 parte da molto prima, esattamente dagli inizi dell’ Aprile 1948.  Non dunque  dalla Sala Contrattazioni della Banca dell’Agricoltura in  piazza Fontana   a Milano, ma dal Salone delle riunioni del palazzo di Largo  Donnaregina 22,  a Napoli, il “Palazzo del Cardinale” che ospitava le  Presidenze Diocesane dei vari rami dell’Aziona Cattolica.

Era un tardo pomeriggio. Il salone era gremito di giovani e di adulti, per lo più, ma non solo, maschi. Eravamo tutti e tutte militanti   dell’Azione Cattolica, che eravamo stati arruolati/e nei Comitati Civici fondati da Luigi Gedda. Avevamo attivamente partecipato alla campagna elettorale che si sarebbe conclusa di lì a qualche giorno con la “pausa di riflessione“ che avrebbe preceduto la giornata elettorale fissata al 18 Aprile. Si trattava delle prime votazioni politiche   dell’Italia Repubblicana con le quali  il popolo italiano si sarebbe dovuto pronunziare da che parte stare   rispetto alla spartizione del mondo decisa a Yalta. Il voto era libero, ma l’esito in qualche   modo predeterminato, perché a Yalta l’Italia era stata assegnata all’Occidente. Anzi era stata  posta al confine del mondo “libero” di fronte al   mondo “comunista”.

Nel  Salone di Largo Donnaregina  quel giorno non si  tirarono solo le somme del lavoro svolto in quei mesi di campagna elettorale: quanti manifesti attaccati sui muri cittadini, quanti comizi volanti  effettuati agli angoli delle strade, quante famiglie visitate con un sistematico porta-a-porta strada per strada, parrocchia per parrocchia, per spiegare l’importanza di andare a  votare e soprattutto la posta in gioco, il significato dei vari simboli, l’utilizzo della scheda elettorale: Si doveva decidere anche dell’organizzazione nei giorni delle votazioni, di come  accompagnare gli anziani e i disabili a votare, di portare vettovaglie e bibite ai rappresentanti di lista democristiani, etc. Ma non fu tutto. Terminate le istruzioni per i giorni delle votazioni, il Presidente Diocesano della GIAC – persona di cui ho comunque un ricordo splendido come cristiano e come uomo – dopo averci invitato ad implorare tutti i santi del paradiso perché  fosse risparmiata a noi e all’intero paese una prova terribile, ci esortò a tornare ciascuno nella propria casa appena terminate le operazioni di voto e a non muoverci da lì sino a proclamazione avvenuta dei risultati. Avremmo dovuto restare in attesa della telefonata di qualcuno che avrebbe saputo farsi riconoscere e  ci avrebbe indicato    dove ritrovarci per avere istruzioni sul da farsi. Ma che pregassimo, per carità,  che la prova ci fosse risparmiata, perché se quella telefonata fosse giunta, nei luoghi di raduno ad attenderci non avremmo trovato i pennelli per  le affissioni.

Capimmo e restammo in attesa.

A risultati proclamati, a elezioni   ampiamente vinte dalla Democrazia Cristiana, finalmente uscii di casa e potetti dedicarmi intensamente alla preparazione  degli esami di licenza liceale.

Qualche anno dopo scoprii per puro caso chi probabilmente sarebbe stato a fare quella telefonata se fosse dovuta essere fatta: nel frattempo era divenuto nel   un  mio carissimo  amico. Scherzi della vita.

Credo che non sia necessario che spieghi perché il cinquantesimo anniversario della bomba di piazza Fontana abbia richiamato alla mia memoria la  riunione di Largo Donnaregina del 1948.

Anni dopo, molti anni dopo  Giulio Andreotti avrebbe accennato ad un’organizzazione (segreta) denominata Stand By  e Cossiga avrebbe ammesso che sì, nel ’48 di armi ce ne erano anche da parte degli “atlantici”.

Ma che  le forze di polizia repubblicane fossero rimpinzate di fedelissimi al  regime fascista ci se ne accorse subito. Sin dal 1946.  Quando si videro le nuove divise degli agenti di pubblica sicurezza (come ancora  si chiamava allora), per i primi mesi si videro alcuni degli agenti   portare al collo  un fazzoletto  rosso. Ragazzino, ne chiesi conto a qualcuno di loro. <Siamo stati partigiani> fu la risposta. Dopo qualche mese però di fazzoletti rossi  non ne vidi più. In compenso ne vidi altri   azzurri. Chiesi ancora. <Sono stato della X MAS> fu la risposta, il corpo d’assalto della marina  che, al comando del principe Valerio Borghese, si era assai distinto  all’epoca della Repubblica di Salò. La formazione più convintamente fascista delle forze armate repubblichine,

Poi si scoprì che  i membri della polizia fascista erano rimasti pressoché tutti  ai loro posti e che anzi il neo costituito Ufficio Affari Riservati del Ministero degli Interni era stato rimpinzato di funzionari di sicura fede fascista, distintisi  per aver reso importanti  servizi al passato regime.   A  dirigere ed orientare le investigazioni sulla bomba di  piazza Fontana e su quelle successive, guarda che combinazione,  fu proprio l’Ufficio Affari Riservati

Negli anni dell’Università capitò anche a me di imbattermi in un ex repubblichino assiso in un ufficio della Questura di Napoli. Non c’era la Digos, allora. C’erano  l’Ufficio Politico e la Squadra Speciale Gabinetto. Mi ci recai per  segnalare che le riunioni dell’Interfacoltà erano spesso disturbate da persone dichiaratamente fasciste, chiedendo un intervento delle forze dell’ordine. Il funzionario che mi ricevette espresse la propria comprensione lamentandosi  che “questi” non lo volevano  capire che i tempi erano  cambiati nonostante che lui facesse di tutto per spiegarglielo. Per essere convincente al massimo  aveva fatto vedere loro persino  la foto che tirò fuori dal cassetto di destra della sua scrivania  e mostrò anche a me. C’era Mussolini  in una macchina scoperta  circondata da tanti “moschettieri del Duce”, corpo speciale di poliziotti   motociclisti, con i guantoni sin quasi al gomito. Quello esattamente   all’altezza del Duce era proprio  lui, il  funzionario dell’Ufficio Politico dell’Italia Repubblicana che riceveva la mia protesta. Capii che ce la dovevamo cavare da soli.

Ma non era soltanto  nella polizia  e nella burocrazia dello Stato che non era cambiato gran che. Durante la guerra  la mia famiglia sfollò nelle campagne di  Torre del Greco, cittadina ai piedi del Vesuvio. Dalle nostre parti  giravano,  casolare per casolare, famiglia contadina per famiglia contadina, due sorelle di mezza età a portare i materiali della propaganda fascista per le “Donne Rurali”.. La chiamavano “Le Signorine Fasciste”. Dopo la guerra tornammo a Torre del Greco d’estate. Le due sorelle   continuavano a girare, casolare per casolare, famiglia contadina per famiglia contadina, con lo stesso calessino trainato dall’asinello di prima. Ma non volevano essere chiamate più Signorine Fasciste. Ora portavano il materiale di propaganda della Democrazia Cristiana.

Insomma il passaggio dalla Monarchia alla Repubblica, dal regime fascista al sistema     democratico non fu accompagnato dal rinnovamento né delle strutture vitali dello Stato né del tessuto connettivo della società.

Perché   nel nostro paese abbia potuto attecchire  la “strategia della tensione” con le sue stragi, attentati e depistaggi e spiegare l’ignominia di non essere stati capaci di  individuarne e condannarne i colpevoli nemmeno in cinquant’anni,Si spiega così. Ma per comprenderlo pienamente  bisogna completare   il quadro   che ho  tentato di abbozzare  citando una serie di episodi,  aggiungendone un altro.

Tra la fine degli anni cinquanta ed i sessanta, un mattino mi si presentò in ufficio un distinto signore assai gentile. Mi spiegò che era stato istituito con Legge dello Stato l’Ordine Nazionale dei Giornalisti ed era stata costituita un’apposita commissione della quale aveva fatto parte anche lui, per stabilire   chi iscrivere d’ufficio nei costituendi albi,selezionandoli  fra coloro che avevano diretto in passato delle pubblicazioni. Io ero tra di essi per via di alcuni foglietti dell’Azione Cattolica. E mi offrì  con un sorriso la Tessera dell ‘0rdine Nazionale dei Giornalisti n. 163212, datata 25 maggio 1959,Elenco Pubblicisti. Accompagnò la tessera  dicendo: <Sa, fra noi dobbiamo aiutarci>.  Era il Direttore della Sede di Napoli dell’USIS, United States  Informations Service. (leggi: CIA & assimilati).

Quel noi mi stupì. Non ci eravamo mai incontrati prima di allora. Il “noi” si riferiva evidentemente a Yalta, al Patto Atlantico, dando per scontato che avendo militato nell’Azione Cattolica dovessi per forza  simpatizzare per gli USA e le sue politiche. Ignorando che si può essere cristiani ed anzi che proprio per tentare di essere cristiani si voglia “cambiare  lo stato delle cose”   sapendo che Cristo fu messo a morte per aver segnato la Storia  portando in Terra non  chissà quale sconvolgente rivelazione metafisica, ma il comandamento rivoluzionario  molto terreno del riscatto dei poveri e degli esclusi, per realizzare l’eguaglianza e garantire la libertà a tutti gli esseri umani. Ignorava, il solerte funzionario, che  nella stessa Democrazia cristiana c’era stata una corrente denominata Sinistra di Base, che intendeva trasformare quello Stato borghese e non a caso pubblicava un periodico intitolato Stato Democratico e teneva  le riunioni nazionali   in un appartamentino a Milano, di due stanze e l’ingresso, nel quale, poggiato su di un tavolo, c’era un apparecchio telefonico con accanto   la  scritta <Attenzione, questo telefono è controllato dalla polizia>.

Quel noi non mi stette bene.  Nei comizi volanti della campagna del ’48,  confrontandomi  con gli  attivisti comunisti,   come tanti altri miei amici ero stato costretto a spostare la discussione sui temi delle chiese trasformate in musei e del libero amore, perché su quelli sociali mi trovavo  d’accordo con loro. Sicché quando un importante teologo, Giulio Girardi pubblicò un libro intitolato Cristianesimo e Marxismo, nel quale sostenne la compatibilità tra il primo ed il materialismo storico fummo in tanti a sentirci liberati e sorse anche in Italia il movimento di Cristiani per il Socialismo.

Non per questo  il nostro Paese cessò di essere a sovranità limitata. Si dice che questa condizione sia sancita in protocolli segreti, in un addendum ai Trattati di Pace e pare che gli USA si siano riservati di intervenire anche militarmente nel caso in cui  i comunisti fossero arrivati al potere quand’anche legalmente. Che ciò sia sancito per iscritto o meno, non credo che sul fatto ci siano molti dubbi.

Forse per questo Veltroni   a proposito della strage di piazza Fontana   è arrivato a sostenere   che sarebbero andati   al potere i fascisti se si fosse riusciti a scoprire e condannare  subito  i colpevoli dell’attentato. Per forza propria i fascisti non ci sarebbero riusciti, ma con l’intervento diretto o indiretto degli USA si.

Sarebbe bene a mio avviso che si smettesse di parlare di depistaggi dei  servizi deviati e si ammettesse esplicitamente che in Italia c’è stata, strisciante ma non troppo, una guerre intestina: di pezzi di Stato contro altri pezzi di Stato, di uomini di un partito contro altri uomini di uno  stesso partito, di uomini dei Servizi contro altri uomini degli stessi Servizi. Che dalla nostra sovranità limitata dipende se oggi la nostra Democrazia è traballante, se il nostro miracolo economico fu  arrestato da due morti strane (Adriano Olivetti ed il suo Direttore Tecnico) e da un paio di improvvide sentenze Giudiziarie (Ippolito e Marotta) e dipende da quella guerra intestina se  il Paese è ridotto complessivamente in declino e se la sua classe dirigente (tutta, non solo il settore  politico)  è divenuta così scalcagnata.

Una domanda mi viene da porre ricordando i 18 morti di Piazza della Loggia, tutti quelli della Guerra intestina che non è stata poco sanguinosa, fra cui secondo alcuni va annoverato anche i Aldo Moro: ma la guerra intestina è finita, c’è almeno un armistizio? O no? Bisogna saperlo, perché nel caso c’è da schierarsi ancora.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE