Sei qui:  / Cinema / Culture / “Il cardellino” di John Crowley

“Il cardellino” di John Crowley

 

Il Cardellino (The Goldfinch) è un film del 2019, diretto da John Crowley (candidato all’oscar 2016 con il film Brooklyn) tratto dall’omonimo romanzo del 2013 di Donna Tartt, vincitrice del Premio Pulitzer per la narrativa nel 2014. Un inno all’ America, un catalogo delle paure e dei traumi in un Occidente smarrito dopo lo shock dell’11 settembre.

Il libro, all’epoca, lodato da critici e scrittori, è rimasto nella classifica dei libri più venduti del New York Times per oltre 30 settimane, vincendo numerosissimi premi, tra cui, in Italia, il Malaparte. Un’opera di 892 pagine, scritto in 10 anni.

Al centro del racconto l’omonimo quadro del pittore fiammingo Carel Pietersz, Fabritius, pupillo di Rembrandt (un piccolo “trompe l’oeil”, stabilmente in mostra nella Pinacoteca Mauritshhuis dell’Aja raffigurante un cardellino), che nella finzione cinematografica lo ritroviamo in una esposizione al MET di New York, semidistrutto da un attentato terroristico in cui perderà la vita la madre del tredicenne Theo Decker (interpretato da Oakes Fegley nella versione più giovane e da Ansel Elgort in quella adulta).

Rimasto solo, Theo, giovane adolescente, viene affidato all’affetto della Signora Barbour (Nicole Kidman), madre del suo amico, compagno di scuola Andy Barbour, con la quale si stabilisce, da subito, un fragile legame affettivo. Un legame che Theo condivide, da subito, anche con Hobie (Jeffrey Whright), un antiquario che ha perduto il suo socio in affari, Welty, nel medesimo attentato. E’ stato proprio Welty, prima di morire, a consegnare a Theo un anello con il compito di riportarlo al suo socio in affari. Ma Theo, uscendo dal Museo, porterà con sé, nascondendolo agli sguardi dei soccorritori, anche il dipinto di Fabritius, il più amato dalla Madre.

Ma ecco che, di lì a qualche settimana, a ridosso dell’inizio delle vacanze estive che la famiglia trascorrerà nel Maine, comparire sulla porta dei Barbour il padre, Larry (Luke Wilson), un ex alcolizzato che aveva abbandonato da tempo moglie e figlio, che lo strapperà agli affetti della nuova famiglia per portarlo con sé a Las Vegas, o meglio, in una ‘no man’s land’ desertica.

Inizierà così, per Theo, una discesa agli inferi, tra alcool e droghe, insieme al suo compagno di viaggio Boris, che non lascia intravedere alcuna possibilità di risalita. Ad accompagnarlo, sempre, nascosto agli sguardi altrui, il cardellino di Fabritius, insieme all’onnipresente senso di colpa per la morte della madre unito all’incapacità di accettare e di superare un trauma così terribile. Senso di colpa e trauma che ne condizioneranno l’adolescenza ma anche la futura vita di uomo.

Sarà ancora a causa di un lutto, la morte di Larry, a riportare Theo, oramai quindicenne, a New York, dal suo amico Hobie, l’antiquario del Village, dove rimarrà negli anni successivi e dove sarà chiamato ad affrontare un’ un ulteriore sfida, questa volta tra le strade di Amsterdam: il recupero del suo amato ‘Talismano’, finito nel frattempo tra le mani di loschi e pericolosi trafficanti di droga, anche a rischio della vita, al solo scopo, questa volta, di restituire l’opera alla sua immortalità, rendendola finalmente fruibile a tutti.

La parte più difficile della trasposizione cinematografica, ha dichiarato Crowley, è stata la costruzione non lineare del romanzo. “Delle pagine del romanzoper esigenze di durata e di trasporre la narrazione in un medium diverso, molto è stato sacrificato, mantenendo comunque lo spirito e le parti essenziali che hanno conquistato i lettori di tutto il mondo”.

 Ad impreziosire la pellicola, un team di tutto rispetto: alla fotografia, il premio oscar Roger Deakins (“Blade Runner 2049”), alla fotografia, lo scenografo candidato all’Oscar K.K. Barret (“Her”), al montaggio Kelley Dixon (“Breaking Bad”), ai costumi kasia Walicka Maimone (“Bridge of Spies). Le musiche sono di Trevor Gureckis (“Bloodline”).

 “Il Cardellino” è una presentazione Warner Bros. Pictures, in associazione con Amazon Studios, una produzione Color Force. Il film sarà distribuito in Italia da Warner Bros Home Entertainment, in esclusiva digitale, per l’acquisto e il noleggio, dal 6 dicembre prossimo, sulle seguenti piattaforme (senza alcun passaggio nelle sale): Apple TV App, Itunes, Google Play, Youtube, Infinity, Sky Primafila, Chili, Rakuten TV, TIMvision, Playstation Store e Microsoft Film&TV.

 Un film imperdibile per chi ha amato le pagine del romanzo. Un romanzo sulla solitudine, ma anche sull’amicizia, sull’amore verso qualcuno ma anche verso un’opera d’arte, un cardellino!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.