Sei qui:  / Blog / Ostia, confermata la condanna a Spada per l’aggressione a Piervincenzi. Fnsi: «Ora norme contro le minacce ai cronisti»

Ostia, confermata la condanna a Spada per l’aggressione a Piervincenzi. Fnsi: «Ora norme contro le minacce ai cronisti»

 
«La sentenza della Cassazione riconosce che a Roma la mafia esiste. Ancora una volta, a portare allo scoperto i loschi affari dei clan sono stati coraggiosi giornalisti che hanno pagato cara la loro passione per il diritto-dovere di informare e ad essere informati», rilevano Lorusso e Giulietti.
«La Cassazione ha confermato la condanna a Roberto Spada, riconoscendo l’aggravante del metodo mafioso, per l’aggressione al giornalista della trasmissione ‘Nemo’ Daniele Piervincenzi e all’operatore Edoardo Anselmi avvenuta a Ostia il 7 novembre 2017 durante la realizzazione di un servizio. La sentenza della Suprema Corte riconosce dunque che a Roma la mafia esiste. Ancora una volta, a portare allo scoperto i loschi affari dei clan sono stati coraggiosi giornalisti che hanno pagato cara la loro passione per il diritto-dovere di informare e ad essere informati». Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana.

«La Fnsi – aggiungono – accoglie con favore questa sentenza, che va in controtendenza rispetto ai pronunciamenti che in altri processi hanno respinto il riconoscimento dell’aggravante mafiosa. Ora attendiamo da governo e Parlamento norme utili a contrastare il fenomeno delle minacce ai cronisti e, più in generale, delle molestie all’articolo 21 della Costituzione, a cominciare dall’approvazione di una proposta di legge di contrasto alle cosiddette ‘querele bavaglio’. A questo proposito, è già stata convocata per il prossimo 19 novembre una iniziativa nazionale nella sede del sindacato dei giornalisti».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.