Sei qui:  / Arte / Culture / Musei Capitolini.“Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte”, una perla del Rinascimento per la prima volta nella capitale

Musei Capitolini.“Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte”, una perla del Rinascimento per la prima volta nella capitale

 

Nell’avvicinarsi dell’anniversario dei Cinquecento anni dalla morte di Raffaello, i Musei Capitolini, mai accaduto prima a Roma, rendono omaggio dal 19 luglio al 3 novembre 2019, a uno dei più grandi artisti deRinascimentocon la mostra Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte. Attraverso una selezione di circa sessanta opere di grande prestigio – di cui quindici di Luca Signorelli – provenienti da collezioni italiane e straniere, molte delle quali per la prima volta esposte, si mette in risalto l’ambiente storico e artistico in cui avvenne il primo soggiorno romano di Luca Signorelli, offrendo nuove letture sul legame diretto e indiretto che si instaurò tra il maestro e la città dei Papi, la quale solo nel 1816 onorò il pittore con un suo ritratto nel Pantheon.  Luca Signorelli (Cortona, 1450 ca. -1523), conosciuto soprattutto per gli affreschi della Cappella Nova a Orvieto, ha molto di cui stupirci e la piccola mostra ai Musei Capitolini, sicuramente da non perdere, si spera sia solo l’inizio di una continua riscoperta. Signorelli affascina per un talento che nulla ha da invidiare ai massimi protagonisti del Rinascimento italiano. Michelangelo e Raffaello, esponenti della generazione successiva, per raggiungere le altezze che tutti riconosciamo, s’ispirarono a lui.

Il percorso di Palazzo Caffarelli si articola in sette sezioni. Inizia mostrandoci l’errore commesso dallo stesso Vasari sul volto del Signorelli rappresentato in due persone diverse nei busti di Pietro Tenerani (Museo di Roma) e da Pietro Pierantoni (Musei Capitolini, Protomoteca). I visitatori poi sono accompagnati, attraverso la Roma di Sisto IV e Antichità Capitoline, davanti ad alcune miracolose opere Di Luca Signorelli come il Martirio di san Sebastiano (Pinacoteca Comunale di Città di Castello), il Cristo in croce e Maria Maddalena (Galleria degli Uffizi), il tondo di Monaco e la pala di Arcevia. Si prosegue all’interno della Cappella Nova di Orvieto, ricostruita attraverso riproduzioni retroilluminate, giungendo davanti a capolavori signorelliani, fra i quali la Vergine col Bambino del Metropolitan Museum of Art di New York e la preziosa tavola di proprietà della principessa Pallavicini. Seguono le sezioni dedicate al soggiorno di Signorelli a Roma sotto il pontefice Leone X (1513-1521) e ai suoi rapporti con Bramante e Michelangelo. A conclusione un capitolo è dedicato alla riscoperta del Maestro tra Otto e Novecento nell’arte, nella letteratura e nel mercato antiquario, con la Flagellazione (Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro, Venezia) e la Madonna col Bambino fra quattro santi e angeli (Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo).

L’esposizione, a cura di Federica Papi e Claudio Parisi Presicce, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura. Catalogo edito da De Luca Editori d’Arte.

Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperteMusei Capitolini, Sale Espositive di Palazzo Caffarelli
Dal 19 luglio al 3 novembre 2019
Orari: Tutti i giorni 9.30 – 19.30 (la biglietteria chiude un’ora
prima); 24 e 31 dicembre 9.30-14.00; chiusura:1gennaio, 1 maggio, 25 dicembre
Biglietti: Biglietto integrato Mostra + Musei Capitolini per i non residenti a Roma: € 16,00 biglietto integrato intero; €14,00 biglietto integrato ridotto Biglietto integrato Mostra + Musei Capitolini per iresidenti a Roma: € 14,00 biglietto integrato intero; €12,00 biglietto integrato ridotto. Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione.
Info mostra Tel. 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00);
www.museicapitolini.orgwww.museiincomune.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.