Sei qui:  / Opinioni / La festa dionisiaca dell’odio è solo rimandata al prossimo fatto di cronaca nera

La festa dionisiaca dell’odio è solo rimandata al prossimo fatto di cronaca nera

 

Due neri ammazzano un carabiniere. Le prime informazioni parlano di nord-africani. Un boccone ghiotto per razzisti. E infatti il web si riempie di letame xenofobo. Poi si parla di americani. Non importa, i neri, anche se americani, sempre assassini sono, dicono i facinorosi. Poi viene fuori che sono Usa, ma bianchi. E persino di famiglie benestanti, tanto da permettersi un hotel di lusso.

Cala un silenzio imbarazzato. Molti si rimangiano dichiarazioni a caldo.
La festa dionisiaca dell’odio finisce come un barbecue sotto un temporale. Ma è solo rimandata al prossimo fatto di cronaca nera

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE