Sei qui:  / Articoli / Informazione / Iniziative Articolo21 / Rapporto su Napoli Est del comitato anticamorra. Martedì manifestazione. Ci sarà anche il premier Conte

Rapporto su Napoli Est del comitato anticamorra. Martedì manifestazione. Ci sarà anche il premier Conte

 

L’associazione “Oasi – Figli in famiglia” si trova in un vecchio capannone industriale a San Giovanni a Teduccio. La vecchia fabbrica adiacente è abbandonata. Quelli di Napoli Est una volta erano quartieri operai. La dismissione qui ora ha lasciato il deserto e mani libere alla camorra che ha occupato spazi e si è appropriata del disagio. Come nelle tante periferie di Napoli c’è una grande energia e voglia di riscatto. Tante associazioni che tentano di strappare i ragazzi alla strada, di dare speranza, come quella di Carmela Manco. Ma qui manca un’idea di futuro, una prospettiva urbana e sociale, non si sa più quale sia la vocazione economica del territorio, insomma, manca lo Stato. È importante che il premier Giuseppe Conte abbia deciso di partecipare martedì prossimo alla manifestazione organizzata per presentare il Rapporto su Napoli Est del comitato anticamorra del Comune presieduto da Sandro Ruotolo.

Una manifestazione che vede insieme il comitato, il Sindacato dei giornalisti, Libera, la Fondazione Premio Napoli, Articolo21. I giornalisti e la società civile insieme per illuminare un territorio, per dare uno schiaffo alla camorra. Ci saranno cronisti minacciati da tutta Italia, non per raccontare le loro storie personali, ma per parlare dei territori che hanno illuminato con le loro inchieste. Per dare una visione ampia e chiara di quanto le mafie stiano allargando i loro tentacoli sempre di più e soprattutto non solo al Sud. Nelle mani del premier sarà messo il dossier su Napoli Est, ma anche quello della Fnsi che sarà portato agli Stati generali dell’editoria. La tagliola sui fondi pubblici ai giornali farà chiudere in Campania ben sei quotidiani, ultimi avamposti del pluralismo, voci essenziali che raccontano ogni giorno realtà difficili proprio come quella di San Giovanni. È necessario poter raccontare per evitare che questi luoghi diventino ancora più invisibili di quello che sono. Sarà un momento importante di confronto nel quale si spera possa nascere una proposta e un impegno per il riscatto della città.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE