Organizziamo insieme una grande campagna contro tutti i muri. Aderisci all’appello

0 0

Cari amici, care amiche, il muro che è stato costruito nel Mediterraneo continua a uccidere, giorno dopo giorno. Dicono che serve per proteggerci da chi fugge dalla miseria, dalle guerre, dalle devastazioni ambientali e dalle persecuzioni. Ma nessun muro è mai riuscito ad aumentare la sicurezza di alcuno. I muri servono per chiudere, dividere, respingere, rinchiudere, oscurare.

Per questo, a trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino, vi invitiamo a promuovere insieme una grande campagna contro tutti i muri che si continuano ad innalzare nel mondo.Non pensiamo solo ai muri fisici di cemento armato e filo spinato ma anche ai muri invisibili dell’indifferenza, delle disuguaglianze, dell’ingiustizia, della miseria, del pregiudizio, dell’odio, dell’antagonismo e della competizione selvaggia.

Invece dei muri noi vogliamo costruire fraternità, una fraternità universale: un modo realmente nuovo, moderno, di vedere, intendere e organizzare le relazioni tra le persone e i popoli, i rapporti con la natura, la società, l’economia.
La sfida è grande. Ne siamo consapevoli. Ma questi muri stanno distruggendo la nostra umanità, ci stanno togliendo la libertà, la pace e il sogno di una vita e di un mondo migliori.

E’ tempo di unire le nostre mani per affrontare insieme, con la nonviolenza, le sfide aperte, prenderci cura gli uni degli altri, non lasciare nessuno indietro, curare assieme la casa comune. 

Con questo stesso spirito, vi invitiamo ad aderire all’appello “Abbattiamo i muri. Costruiamo una fraternità universale” (di seguito) e a fare del prossimo 9 novembre 2019, 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino,una grande festa della fraternità, della libertà e della pace.


L’appello: “Abbattiamo i muri. Costruiamo una fraternità universale”

Il 9 novembre 1989 cadeva il Muro di Berlino. E fu una grande festa. Era la fine
della Guerra Fredda, della divisione dell’Europa e del mondo in due blocchi
contrapposti. L’inizio di una nuova storia.
Trent’anni dopo, molti altri muri minacciano i nostri diritti, i beni comuni, la
nostra voglia di libertà e di giustizia. Molti sono stati innalzati negli ultimi anni.
Altri sono ancora in costruzione nei nostri paesi, in Europa e nel mondo. Non
servono per proteggere ma per respingere, chiudere, rinchiudere, oscurare,
dividere.
Alcuni sono muri di cemento armato e filo spinato. Altri sono invisibili ma
ancora più estesi e devastanti. Sono i muri dell’indifferenza, dell’antagonismo
infinito, della competizione selvaggia, dell’ingiustizia, delle disuguaglianze,
della miseria, del pregiudizio, dell’intolleranza, dell’odio. Sono i muri mediatici
che alimentano paure, conflitti, ignoranza, individualismo e incomprensioni.
Sono muri che ci mettono gli uni contro gli altri, che lacerano la vita di persone,
famiglie, comunità, popoli e paesi. E che minacciano di distruggere la nostra
stessa Europa.
Contro tutti questi muri che ci stanno togliendo la libertà, distruggendo la
nostra umanità, la pace e il sogno di una vita e di un mondo migliori, noi
vogliamo insorgere.
Invece dei muri noi vogliamo costruire fraternità, una fraternità universale:
un modo realmente nuovo, moderno, di vedere, intendere e organizzare le
relazioni tra le persone e i popoli, i rapporti con la natura, la società, l’economia.
E’ tempo di unire le nostre mani per affrontare insieme, con la nonviolenza, le
sfide aperte, prenderci cura gli uni degli altri, non lasciare nessuno indietro,
curare assieme la casa comune.
Abbattendo i muri, visibili e invisibili, noi vogliamo contrastare le divisioni,
l’individualismo, le disuguaglianze, le ingiustizie, la solitudine, le persecuzioni,
le violenze, le guerre, la corsa al riarmo. Vogliamo riunire la famiglia umana,
costruire la casa comune europea, l’onu dei popoli, un ordine mondiale più
giusto, solidale e democratico e una nuova società dove a tutti gli esseri umani
vengano effettivamente riconosciuti la stessa dignità e gli stessi diritti
fondamentali. La cittadinanza universale, plurale e inclusiva, deve prevalere
sulla cittadinanza nazionale. Siamo tanti e diversi in un mondo di risorse finite
che dobbiamo salvare e condividere: dobbiamo imparare ad agire gli uni verso
gli altri in spirito di fratellanza.
La costruzione del Muro di Berlino segnò un’epoca molto buia e drammatica
dell’Europa e del mondo. Per lungo tempo, quel muro sembrò inamovibile. Ma
poi, sotto la pressione di milioni di persone, venne abbattuto. Nel nome della
libertà e dei diritti umani.

Con quello stesso spirito, che è la vera anima di tutte le donne e gli uomini del
mondo, noi invitiamo tutti ad abbattere i muri e a fare del prossimo 9
novembre 2019 una grande festa della fraternità, della libertà e della pace.

Per adesioni e informazioni: Tavola della pace, via della viola 1 (06122)
Perugia – Tel. 075/5736890 – M. 335.6590356 – email adesioni@perlapace.it –
www.perlapace.it
Tavola della pace

One thought on “Organizziamo insieme una grande campagna contro tutti i muri. Aderisci all’appello

  1. No ai muri!! Allarghiamo la visuale, l’orizzonte.. Cerchiamo di conoscere piuttosto, capire, guardiamo oltre..

Comments are closed.